Sony Vaio Duo 13 con LTE e Intel Core di quarta generazione

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

TEST e SLIDESHOW – Connettività LTE, Cpu Intel Core di quarta generazione e design da convertibile di lusso. L’ibrido Sony Vaio Duo 13 è disponibile in diverse configurazioni. Laptop e tablet insieme, in una proposta a partire da 1500 euro

In prova la proposta ibrida di Sony Duo 13 nella configurazione SVD1321L2EW, con Windows 8. Il form factor originale di questa soluzione nasce più per soddisfare gli utenti che desiderano utilizzare Sony Vaio Duo come tavoletta, rispetto a coloro che cercano un laptop, ma in ogni caso il convertibile Sony Vaio Duo 13 si presta molto bene per entrambi gli utilizzi. Chi ha bisogno di un tablet apprezzerà la disponibilità del display che resta sempre ‘esposto’. Chi invece ha bisogno di un notebook rimarrà stupito comunque dall’ergonomia della tastiera che, fatto salvo il touchpad largo quanto serve – ma certo molto basso (appena 2,5 cm) – non pone altri sacrifici, ed è anche retroilluminata. Entriamo nei dettagli.

Sony Vaio Duo 13, descrizione e specifiche tecniche

Sony Duo 13 è un Ultrabook (1,3 Kg circa di peso, 33×12,4×21,1 cm) con design Surf Slider, si chiama infatti così infatti il sistema a slitta che permette di passare da una modalità di utilizzo a un’altra. Lo schermo va fatto semplicemente scorrere sulla tastiera dal basso e si alzerà trovando il sostegno posteriore rigido che poi lo terrà in posizione. Quando è a riposo il display trova naturale collocazione nel bacino di accoglienza predisposto ad incavo sulla tastiera, in alluminio, come il sistema a cerniera, mentre la base è in carbonio.  Nella confezione si trova anche una penna (attiva, con batteria e punta di riserva ) che agevola il compito di disegnare e prendere appunti, e che poi può essere risposta nell’apposito alloggiamento a scomparsa sul fianco di Duo 13.

Il display da 13 pollici sfrutta la risoluzione full hd (1.920×1080) e la tecnologia Triluminos. Si tratta di un buon pannello a finitura lucida, incastonato nella cornice bianca o nera, con la possibile variante rossa che però costa di più per lo speciale trattamento a strati. Il display è luminoso quanto basta, anche per lavorare in presenza di luce diretta, come è più facile che tocchi fare con un tablet.  Connettori e periferiche si trovano prevalentemente nella parte posteriore, sul profilo sinistro arretrato c’è il tasto di accensione, su quello destro il cassettino per riporre la penna. Dietro il display a mezza altezza il comparto per la SIM.

In basso sul profilo posteriore della tastiera da destra il connettore per alimentazione, presa cuffie e microfono, doppia presa USB 3.0 di cui una alimentata, ma si noti anche che una terza presa per questo scopo è disponibile sull’alimentatore, soluzione che abbiamo già incontrato anche per Microsoft Surface Pro, in questo caso Sony la rende ancora più funzionale perché la confezione contiene anche uno speciale adattatore (USB/Ethernet) per garantire anche la connettività con il cavo di rete, senza occupare una presa USB 3.0 di quelle disponibili.  Seguono poi la presa Hdmi (che supporta anche le connessioni VGA grazie all’adattatore incluso nella confezione), e il lettore di schedine di memoria SD e HG Duo (memory stick).

I connettori USB sul retro non incontrano il nostro parere positivo, mentre ci lascia indifferente la collocazione sul retro dei terminali video e delle schedine di memoria. Nel complesso la proposta ci sembra ergonomicamente ben formulata. La nostra esperienza personale d’uso ci ha fatto apprezzare anche l’angolo di inclinazione del display, che comunque non è regolabile.

Sony Vaio Duo 13
Sony Vaio Duo 13 il sistema Surf Slider

Il passo in avanti rispetto alle precedenti proposte si misura tutto in relazione alla nuova Cpu Intel Core i5-4200U (Haswell) che lavora a 1,6 GHz, ma supporta Turbo Boost fino a 2,60 GHz. Una Cpu Dual Core con 3 i Mbyte di cache di terzo livello. La Ram disponibile è di 4 Gbyte saldati su scheda, l’utente non ha accesso diretto né a Ram, né a disco fisso, né a batteria. Il comparto grafico lavora con la soluzione Intel HD 4400 integrata.

Il disco, un Samsung SSD da 128 Gbyte, avrà spazio sufficiente per un prevalente utilizzo come tablet, meno se pensate di utilizzare Vaio Duo 13 come soluzione unica di computing per il lavoro.

Lato connettività sono supportati Gps, Nfc e ovviamente anche WiFi a/b/g/n e Bluetooth. E’ importante notare la presenza di una Webcam anteriore, ma anche di foto/videocamera posteriore con sensore da 8 Megapixel. Una soluzione non sempre presente a questi livelli qualitativi negli ibridi. Il produttore, su questa specifica configurazione non dichiara la presenza di connettività WWAN. Tuttavia, le nostre prove confermano l’abilitazione del modello anche per questa connettività, molto preziosa, soprattutto pensando a un utilizzo come tablet.

Sony Vaio Duo 13, esperienza d’uso e giudizio

Chi lavora sa bene che una soluzione di questo tipo non è completamente assimilabile alla disponibilità di un tablet tout court. Certo, perché 13 pollici iniziano a essere una diagonale importante, e perché il peso di questa soluzione – 1,3 Kg – è pochissimo per un laptop, ma è tantissimo per un tablet. Certo poi bisogna ammettere che Windows 8 in Modern UI si può usare sia in modalità laptop, sia come tablet, ma Windows 8 desktop già con tablet da 10 pollici diventa faticosissimo. E quindi ognuno deve valutare con molta cura il form factor più adeguato alle proprie esigenze.

Consigliamo Sony Duo 13 a chi sa con certezza di dover utilizzare spesso il proprio device come tablet (il sistema slider vuole proprio facilitare questo utilizzo), ma non può rinunciare a un laptop, e a tutti i costi vuole avere un solo oggetto che permetta anche in mobilità la connettività 3G e LTE. Altrimenti preferiamo l’idea di disporre di un ultrabook ancora più portatile e leggero e di un tablet ad hoc, solo per questo scopo. Fatto sta che dati questi presupposti d’utilizzo poi Sony Vaio Duo 13 è poi una scelta quasi obbligata con cui almeno confrontarsi, così come già anche la soluzione Sony Vaio Pro.

Dal punto di vista prestazionale sono evidenti i passi in avanti che Intel con Haswell ha permesso, soprattutto per quanto riguarda l’autonomia. Anche per questo, però, consiglieremmo una configurazione più potente, rispetto a questa tutto sommato di base. Sì quindi al raddoppio della capacità disco e Ram, specialmente se si decide di eleggere Duo 13 come unico strumento di lavoro. I benefici immediatamente evidenti ai mobile worker di Haswell sono prevalentemente legati all’autonomia della batteria in riproduzione video e nel lavoro office. Sony Vaio Duo 13 permette di lavorare con una certa disinvoltura per circa sei ore, con un utilizzo misto, senza problemi.

I nostri test PC Mark 8 di Futuremark hanno evidenziato risultati equiparabili con quelli di Sony Vaio Pro 13, sempre con Haswell, che pure disponeva di una Cpu i7, con frequenza di clock di poco superiore. Questa soluzione paga qualcosa di più in termini svantaggiosi proprio nel comparto Work dove, rispetto all’altra soluzione, collezione 4000 punti (contro 4200). Il prezzo di questa configurazione è di circa 1500 euro.

Il design ci ha soddisfatto pienamente, fatta salva forse la scarsa protezione del comparto per la microSIM, durante l’utilizzo come notebook. Considerato infine che il Vaio Duo 13 è destinato, anche a riposo, a lasciare evidentemente scoperto il vetro del display consigliamo l’acquisto di una custodia adeguata, e ci sarebbe piaciuto trovarla come dotazione standard nella confezione, proprio considerato questo particolare form factor.

Per quanto riguarda la dotazione software, su questo modello è possibile apprezzare il supporto di Windows per le gesture a distanza (senza toccare il vetro). Non sappiamo se il futuro effettivamente corra in questa direzione anche per questa tipologia di prodotti. Alla prova dei fatti, per non sbagliare, i metodi di immissione dei comandi più veloci e senza margini di errore alcuno restano ancora touch e ancora di più tastiera.

Microsoft e anche qualche vendor ci hanno prima illuso con la suggestione dei comandi vocali e poi ora con le gesture. Certamente è più facile ottimizzare in breve tempo questa seconda modalità, rispetto a quanto abbiamo dovuto attendere un risultato decente in ambito consumer di interazione con il computer tramite comandi vocali. Resta la nostra raccomandazione di base: non scegliete il vostro device in base a questa specifica caratteristica. La connettività 3G/LTE è facilmente gestibile con l’applicazione OneClick Internet di Huawei precaricata. Sempre su standard elevati la proposta Sony dei software scelti per agevolare l’utilizzo di tutte le potenzialità del computer. In questo caso segnaliamo Cam Scanner, per digitalizzare velocemente tutti i documenti cartacei sfruttando l’ottima foto/videocamera posteriore o la Webcam. Una nota sulla Webcam: in questo caso sì, si può notare che il display a inclinazione regolabile sarebbe stato meglio. La Webcam non risulta correttamente orientata e bisogna inclinare in avanti a mano il device, per esempio in caso di autoscatto.

[nggallery template=nme images=40 id=124]

Conoscete a fondo il produttore di CPU Intel? Mettetevi alla prova, rispondete al nostro QUIZ

 

 

 

 

Read also :