IDC: il mercato PC cala ma meno del previsto

ChromebookComputerWorkspace

Il “back to school” statunitense ha spinto le vendite di personal computer e dato una spintarella al mercato PC nel suo complesso: non è molto, ma aiuta

Un piccolo segno positivo per il mercato PC, se si può considerare positivo il fatto che il comparto sia calato meno del previsto. Le cifre IDC relative al secondo trimestre 2016 indicano infatti che le vendite di personal computer sono calate anno su anno “solo” del 4,5 percento con circa 62,4 milioni di unità vendute. Le previsioni indicavano invece un declino del 7,4 percento, evitato soprattutto grazie ai buoni risultati di vendita registrati dagli Stati Uniti.

Il dollaro forte e soprattutto gli acquisti pre-scolastici hanno infatti spinto le vendite USA a una crescita anno su anno del 5 percento circa. In questa crescita hanno giocato una parte importante i Chromebook, che sono storicamente un elemento portante del “back to school” americano.

A livello globale la situazione non è altrettanto positiva e resta anzi statica. IDC sottolinea che alcune spinte al mercato ci sono state ma soprattutto da parte dei vendor, senza che questo comporti un atteggiamento diverso dei consumatori rispetto all’acquisto dei PC. Anche per questo la società di analisi non intende cambiare le sue stime a lungo termine che restano caute e vedono un ritorno alla crescita del mercato solo nel 2018, magari un po’ prima se questo trimestre più positivo degli altri darà una base su cui rafforzare il settore nella seconda metà di quest’anno.

idc-pc-2q16Come al solito molto dipenderà da Windows 10. La fine dell’offerta di aggiornamento gratuito potrebbe portare alla vendita di nuovi PC in ambito consumer, mentre nelle imprese l’aggiornamento dei sistemi al (quasi) nuovo OS di Microsoft è un fattore di crescita a breve termine.

In quanto a vendor, la top 5 globale è fatta nell’ordine da Lenovo, HP, Dell, Asus e Apple. Lenovo ha visto una buona crescita negli USA ma il margine sulla seconda (HP, che ha visto risultati positivi un po’ ovuque) è minimo. Dell ha un terzo posto abbastanza tranquillo grazie a buone vendite in Giappone e USA, seguono a distanza Asus e Apple, con la seconda che soffre il mancato rinnovamento della linea Mac.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore