Windows 10 e Surface “as a Service” è la nuova idea di Microsoft per le imprese

MobilitySistemi OperativiTabletWorkspace

Sistema operativo Windows 10 e Surface potranno essere veicolati come servizio dai Cloud Solution Provider, con l’obiettivo di facilitare l’aggiornamento delle aziende utenti

Il mercato IT dà solo piccoli segnali di miglioramento e c’è bisogno di nuove spinte per farlo crescere, in Micosoft hanno evidentemente pensato che trasformare il suo principale sistema operativo (Windows 10) in un servizio potrebbe aiutare le aziende a procedere sulla strada dell’aggiornamento tecnologico. E visto che sono i dispositivi alla 2-in-1 che vanno per la maggiore, perché non aggiungere all’equazione anche Surface?

Così Microsoft ha preparato una nuova offerta per le imprese, che dal prossimo autunno potranno acquistare Windows 10 Enterprise Edition come parte dei servizi gestiti offerti dai Cloud Solution Provider. È un’offerta in abbonamento di cui non sono stati dati tutti i dettagli ma che viene giudicata ideale per le aziende che non hanno un grande dipartimento IT o che non vogliono preoccuparsi della gestione delle licenze. L’offerta dovrebbe partire da un costo minimo di 7 dollari per postazione al mese.

In quest’ottica Windows 10 diventa semplicemente una parte dello stack applicativo di Microsoft e fa da supporto a elementi percepiti a maggior valore aggiunto come Office 365 e tutta la famiglia Dynamics. L’obiettivo è anche quello di eliminare le perplessità che molte aziende possono avere davanti all’idea del refresh tecnologico a Windows 10: se ne occupa (con modalità evidentemente da definire) il CSP che l’azienda sceglie e con cui magari ha già servizi in essere.

microsoft surfaceL’offerta dei 2-in-1 Surface come servizio è una estensione di questo concetto e anche della Surface Enterprise Initiative che la casa di Redmond aveva messo in campo tempo fa. La prima e più evidente novità in tal senso è che i Cloud Solution Provider possono offrire i device Surface come servizio gestito. Questo dovrebbe facilitare la diffusione dei Surface stessi ma anche garantire che le aziende mantengano in generale più aggiornata la loro dotazione tecnologica, potendo gestire come spesa operativa sia il sistema operativo sia i device mobili.

Inoltre Microsoft ha esteso la partnership che aveva avviato con Dell, sempre per la vendita di Surface nelle imprese, coinvolgendo anche IBM e Booz Allen Hamilton. Qui l’obiettivo è veicolare Surface come parte di soluzioni verticali: nel caso di IBM per i settori dei servizi finanziari e dei beni di consumo, per quanto riguarda Booz Allen Hamilton si tratta invece di Pubblica Amministrazione e Sanità.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore