Anche i Bancomat coinvolti nella migrazione da Windows XP

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

D’altra parte molti ATM utilizzano Windows nella versione embedded il cui supporto è previsto fino al 2016

Anche i Bancomat ( o , con terminologia inglese, sportelli ATM) potrebbero essere coinvolti nel fenomeno dell’obsolescenza del sistema operativo Windows XP , mentre è in corso la migrazione verso Windows 7. In questo senso il ciclo di vita dei sistemi operativi Windows sembrerebbe mal adattarsi ai vincoli delle apparecchiature embedded. L’allarme è stato lanciato da Businessweek che segnala che addirittura il 95 per cento degli ATM utilizzano ancora il sistema operativo in via di sostituzione da parte di Microsoft con il prossimo 8 aprile. Molte banche utilizzano tuttavia la versione Embedded di Windows XP , il cui supporto tecnico continua ed è assicurato fino al 12 gennaio 2016. Altre istituzioni hanno firmato un accordo particolare di supporto esteso con Microsoft. A questo proposito per completezza va aggiunto che la fine del supporto per Windows 7 è al momento programmata per il 14 gennaio del 2020

. E’ un altro dei problemi emergenti per le imprese in questo ultimo stringente periodo di transizione , nel caso specifico verso Windows 7. La transizione si starebbe annunciando come parecchio costosa al momento in cui l’hardware dello sportello ATM dovrà essere aggiornato. Gli esperti sottolineano come anche quest’altro episodio stia mostrando ancora una volta l’inadeguatezza della gestione del ciclo di vita di Windows e soprattutto come male si adegui alle esigenze di realizzazione di apparati con OS embedded. In qualche misura l’hardware deli ATM per sua natura potrebbe richiedere un aggiornamento minimo, ma il problema cambia con i prodotti collegati direttamene a Internet e dunque soggetti a una vasta serie di attacchi e di malware. Per Windows embedded la questione rimane aperta. .

Read also :