Nikon D610, pieno formato e video full hd con D-Movie

Workspace

Sempre più sfumato il confine tra le professionali e le prosumer. Nikon D610 è l’ultima nata in casa Nikon tra le reflex full-frame e mutua caratteristiche sia da Nikon D800 sia dall’ammiraglia Nikon D4

E’ l’ultima arrivata in casa Nikon, in termini assoluti, e quindi anche nel particolare portafoglio delle reflex full frame, a pieno formato. Non solo, questa Nikon D610, si avvicina alla prosumer per eccellenza, quell’insostituibile Nikon D800, amata dai professionisti, che da tempo campeggia tra le reflex preferite per il rapporto qualità prezzo e da cui oggi questa Nikon D610 mutua il sistema D-Movie per le riprese video. Anche i materiali scelti avvicinano le ‘cugine’ Nikon D800 e Nikon D610 con il telaio in lega di magnesio e le stesse protezioni di D800 e, oltre a tutto questo la nuova Nikon D610 dispone di un otturatore con tutti i problemi che avevano gettato ombre sulla Nikon D600 risolti.

E infatti: Nikon D610 è una reflex con sensore da 24,3 megapixel con possibilità di cattura fino a 6 fps 8(è una delle novità della nuova adozione). Il display Lcd è ampio e luminoso con la sua diagonale da 8 cm a un milione di pixel, con sensore di luminosità ambientale per un’autoregolazione. Che i confini tra fotografia professionale e consumer in questa reflex siano particolarmente sfumati è prova il fatto che Nikon D610 è stata dotata anche della funzione Scatto silenzioso, così utile sia per le riprese in ambienti naturali, sia in particolari cerimonie o momenti delle stesse, anche se a una velocità ridotta a 3 fps. La gamma ISO  è estendibile fino a 25.600 ISO e verso il basso 50 ISO e lavora tranquillamente tra 100 e 6400 ISO come sensibilità ‘naturali’.

I paralleli tra questa reflex e quelle top professionali di casa Nikon, prosegue con l’adozione del processore top di gamma Expeed 3, lo stesso utilizzato da Nikon D4, così come si eredita dalla top di gamma anche la sensibilità AF ereditata sul modello top di gamma.

Nikon D610
Nikon D610

Particolarmente interessante è però l’introduzione di D-Movie in questo segmento di reflex. Nikon D 610 coniuga strumenti per i videoamatori newbie, per esempio diverse applicazioni per filmati, un’interessante serie di frequenze fotogrammi “framerate” e comodi controlli personalizzati, con l’idea di fondo di consentire le medesime possibilità di controllo note in ambito fotografico, anche in video e quindi approntare servizi sfruttando il materiale in entrambi i tipi di produzione. In full hd si catturano filmati fino a 30 fps, per una durata massima di 29 minuti, molto più di quanto serve per esempio per le videoriprese sul campo, interviste, corti on the road.

Le videoriprese possono essere riviste immediatamente tramite collegamento Hdmi senza compressione. L’interoperabilità tra riprese video e riprese fotografiche si arricchisce per esempio della funzione per montare velocemente riprese accelerate con i propri fotogrammi, per esempio salvando le immagini come file video, oppure montare quelle disponibili catturate tramite la funzione di Ripresa intervallata (fa scattare l’otturatore a intervalli predefiniti). Restano per i neofiti 19 modalità di scena predefinite, con una buona collezione di filtri (tipo lo skylight e il cross-screen).

Se si vuole cercare un ‘minus’ nella D610 questo è forse la mancata integrazione nativa della connettività Wifi, che è possibile ma con l’adattatore opzionale. Si conferma, come per il modello Nikon D600, il doppio slot per le schede SD, con tutte le possibilità della combinazione Raw+Jpeg. Prezzo? In linea con la fascia alta del segmento, intorno ai 200o euro.

 

 

 

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore