Nec MultiSync EA244UHD, display 4K da professionisti

Workspace
Nec MultiSync EA244UHD

MultiSync EA244UHD è un display professionale che Nec propone a circa 1500 euro. Punti di forza la risoluzione 4K, la qualità del pannello top di gamma con finitura opaca e la perfetta gestione di ogni parametro di visualizzazione

Nec ha messo a catalogo un display IPS con risoluzione 4K UHD (3840×2160 pixel) che è destinato a diventare punto di riferimento per chi in ambito professionale cerca qualità top di gamma anche su una diagonale ancora tipicamente da ufficio. MultiSync EA244UHD, infatti, mantiene le impostazioni e il form factor oramai tipici dei MultiSync di Nec ma con un pannello di livello qualitativo elevato, immediatamente percepibile come nuovo standard per una postazione dal punto di vista visivo ergonomicamente ineccepibile. E’ davvero impressionante provare a lavorare con un display 4K affiancato anche solo a un display con risoluzione full hd, al punto da far fatica a ritornare alla risoluzione precedente. Ma entriamo nei dettagli della prova.

MultiSync EA244UHD, si diceva, è un IPS TFT retroilluminato W-LED, con diagonale da 24 pollici per un ingombro in larghezza di massimo 60,5 cm. Il rapporto di forma è 16:9, con un rapporto di contrasto 1000:1 e la luminosità di 350 cd/m2, la densità di pixel per pollice è di 184 ppi (l’effetto è ovviamente diverso rispetto a risoluzioni così elevate sulla diagonale di uno smartphone, ma ineguagliabile su una diagonale da 24 pollici). Come si conviene a un display di questo tipo il tempo di risposta (grigio/grigio) è di 5ms, non siamo quindi di fronte a una ‘reattività’ da record, perché le qualità in questi casi vanno cercate altrove. Per esempio nel pannello con finitura opaca, infinitamente più riposante nelle lunghe sessioni rispetto a quelli più adatti forse per la riproduzione dei film, ma anche più faticosi. Su questa soluzione oltre all’angolo di visuale ampio e superiore ai 178 gradi in orizzontale, sarà davvero impossibile rimanere infastiditi da qualsivoglia riflesso.

Nec MultiSync EA244UHD
Nec MultiSync EA244UHD

Per quanto riguarda le interfacce d’uso MultiSync EA244UHD lascia la massima scelta e infatti dispone di 1 presa Hdmi, 1 Hdmi /MHL, ma anche 2 display port, e 2 DVI-D. Sono presenti inoltre 3 porte USB 3.0, una di esse è collegata sul fianco destro, insieme a presa per cuffie e microfono e due sul profilo inferiore, con l’ingresso USB da computer. Con la nostra scheda grafica della serie  AMD Radeon HD 6900 abbiamo utilizzato come collegamento una delle 4 Display Port che essa aveva disponibili con supporto 1.1a e non l’ultima versione 1.2, rinunciando a qualcosa.

La base circolare del display supporta la colonna portante con un’escursione in altezza fino a 13 cm, il display poi è ruotabile anche nella modalità portrait, e inclinabile rispetto al piano orizzontale tra -5 e +30 gradi. Si nota subito la comodità anche con una posizione del display relativamente bassa, ma fortemente inclinata, utilizzabile quando per esempio si ospitano alla scrivania osservatori che rimangono in piedi, affianco all’utente. MultiSync EA244UHD unicamente non permette la rotazione in modalità ritratto quando la colonna non è perfettamente estesa. All’interno il display contiene due diffusori con potenza massima da 1Watt, adeguati per un utilizzo da ufficio, con nessuna pretesa ovviamente per le riproduzioni da studio.

Nec MultiSync EA244UHD
Nec MultiSync EA244UHD, le interfacce

 

Per quanto riguarda la gestione delle impostazioni, in basso a destra sulla cornice di circa 1 cm e mezzo sono posizionati i comandi: tasto di accensione con led di stato, Input, Menu, scorrimento delle voci in orizzontale e in verticale e tasto Multi Picture che è ben supportato da questo display. L’utente può ovviamente calibrarlo a piacere, ma trova i preset sRGB e Adobe RGB, l’impiego anche negli studi medici è consigliabile, tanto che questo display esce dalla fabbrica calibrato in Dicom simulato.

I nostri test PassMark Monitor Benchmark hanno evidenziato un’assoluta profondità di nero e una copertura Gamut sRGB al 99,3 percento. Le nostre misurazioni, per preferenze personali, sono state effettuate con temperatura colore del bianco a 6500K. Non abbiamo rilevato nessuna problematica anche riguardo convergenza e allineamenti. Ci teniamo a sottolineare che l’esperienza visiva, anche con una densità di 184 ppi è davvero impressionante. L’utente deve semplicemente avere l’accortezza di impostare bene il sistema operativo con l’ingrandimento carattere al 150 percento, per apprezzare al massimo lo spazio desktop a disposizione che ovviamente sembra infinito.

Le qualità del display infine sono ben espresse anche attraverso la dotazione software.

Il monitor infatti è dotato di sensore di luce ambientale, ma anche di un sensore di prossimità o di presenza, in modo da poter gestire automaticamente il risparmio di energia nel caso in cui l’utente non sia più al desk. Non solo, la consolle di gestione del display presenta la voce menu relativa al risparmio energetico, un comodo sistema di gestione per la visualizzazione da fino a 4 risorse e tutta una serie di voci per la gestione granulare di ogni parametro. Il prezzo di questa soluzione è rapportato agli utilizzi professionali cui è destinato. A listino è disponibile a circa 1500 euro. E’ un prezzo ovviamente destinato a scendere, di suo ampiamente giustificato da un utilizzo professionale e su applicazioni che richiedono queste risoluzioni. Non abbiamo nessun problema ad ammettere che per le sue caratteristiche è questo al momento il display migliore su cui abbiamo mai lavorato. E davvero non importa nulla se non è touch.

 

 

 

 

 

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore