Mercato Usa : Mac e Chromebook erodono le vendite di PC Windows

AppleChromebookEnterpriseFisco e FinanzaWorkspace

Apple e i Mac crescono sulla fascia alta e la battaglia si accende sull’entry level ( e i Chromebook)

Se sul mercato europeo dei PC la notizia è il ritiro di Samsung, sul mercato americano la sorpresa è la rimonta dei Mac che nel trimestre chiuso a fine agosto hanno conquistato oltre un quarto della quota di mercato del settore consumer dei PC. Complici le attività del ritorno e a scuola e un consistente taglio dei prezzi dei Macbook Air la gamma dei Mac ha raggiunto la quota di mercato del 27 per cento nelel vendite al dettaglio ai consumatori. Lo ha stabilito il NPD Group che ha calcolato un incremento dell’11 per cento rispetto alla quota di mercato dello scorso anno pari al 24 per cento.

Il prezzo di un Macbook Air sul mercato americano è sceso per la prima volta sotto i 900 dollari.
Nel frattempo i Chromebook , portatili alienati con il sistema operativo Chrome OS di Google, hanno ottenuto una spinta verso l’alto del 36 per cento portandosi al 4,5 per cento di quote di mercato.

In entrambi i casi la crescita è venuta a spese delle vendite dei PC Windows che sono cadute del 6 per cento dal 73 per cento del 2013 al 68 per cento del 2014.

chromebook acer

Questo mentre il panorama generale del mercato americano segnala una crescita attorno al 3 per cento delle vendite totali rispetto al medesimo periodo dello scorso anno in cui le vendite erano scese del 2,5 per cento rispetto al 2012.
I dati di NPD si accordano con quello di altri analisti : mentre le prime previsioni riguardanti il 2014 erano state scoraggianti i modelli di forecast sono cambiati in positivo nel corso dell’anno. Ora gli analisti si aspettano una risalita nel corso del secondo semestre di quest’anno , quasi un ritorno dei consumatori dai tablet verso ai PC che in molte case americane sono ormai diventati obsoleti e non sono cambiati dal 2010, anno della svolta verso i tablet del mercato di massa. In parallelo si vedono i primi timidi investimenti da parte dei vendor nel marketing dei personal computer che si riflettono prima di tutto in un taglio ulteriore dei prezzi. Nel periodo sotto esame il prezzo medio di vendita di un portatile Windows è sceso a 441 dollari ( meno 8 per cento rispetto all’anno precedente). Il prezzo medio di un modello in grado di competere con un Chromebook è sceso dell’11 per cento a 242 dollari.
E’ l’inizio di una nuova battaglia per la conquista di quote di mercato da cui ogni vendor conta di uscire vincitore anche con l’aiuto dell’imminente stagione delle vendite di fine anno.
Un segnale potrebbero essere i massicci sussidi che Microsoft sta immettendo nei costruttori alle prese con una riduzione importante dei margini. Le previsioni sono che entro fine anno si vedranno molti PC a meno di 200 dollari. Apple cresce sulla fascia alta e la battaglia si accende sull’entry level.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore