I nuovi server Power Systems affrontano le sfide dei big data armati di Linux e dei processori Power8

Workspace

Un ecosistema IBM di server basati su Linux e sul processore Power8

IBM ha presentato i nuovi server Power Systems, che consentono ai data center di gestire grandi volumi di dati su una piattaforma open. La competizione con la concorrenza avviene sulla velocità di analisi dei dati. I nuovi server Power8 sono frutto di un investimento triennale di 2,4 miliardi di dollari e si inseriscono sulla nuova strategia di IBM volta  a inseguire i segmenti del mercato server a più alta redditività doopo aver lasciato alla cinese Lenovo la fascia dei server in architettura X86. L’apertura della nuova piattaforma è sottolineata dal fatto che IBM, attraverso la OpenPower Foundation, ha rilasciato specifiche tecniche dettagliate per il suo processore Power8 invitando sia i partner che i concorrenti a innovare facendo leva sul processore . Come indica una nota aziendale , grazie alla adesione di IBM all’OpenPower Foundation, il processore diventerà un catalizzatore per le applicazioni emergenti e una piattaforma di innovazione aperta. I sistemi sono stati progettati con il nuovo processore Power8, che incorpora più di 4 miliardi di transistor.

La OpenPower Foundation riunisce 25 fornitori di tecnologia ed è in fase di espansione. Fondata da IBM, Google, NVIDIA, Mellanox e Tyan, l’organizzazione ha annunciato una roadmap dell’innovazione, che specifica i contributi che saranno forniti da diversi dei suoi componenti. Per affrontare l’esplosione di dati, IBM annuncia anche tre nuove soluzioni Power Systems ottimizzate per le esigenze esclusive dei Big data e dell’analytics. Sfruttando i sistemi basati su Power8 unitamente al portafoglio software aziendale per i Big data e l’analytics, le soluzioni consentono alle organizzazioni di mettere al lavoro i dati in tempo reale.

Le nuove tecnologie – IBM Solution for BLU Acceleration, IBM Solution for Analytics e IBM Solution for Hadoop – sono ottimizzate per i nuovi Power Systems . La nuova IBM Solution for Analytics, ad esempio, fornisce informazioni più rapide per gli attuali carichi di lavoro analitici, computazionali e cognitivi basati sui dati, grazie all’integrazione con Cognos, SPSS e DB2 con BLU Acceleration.

Lo scorso anno IBM ha investito un miliardo di dollari in nuove tecnologie Linux e in altre tecnologie Open Source per i server Power Systems. Gli investimenti hanno portato alla creazione di nuovi prodotti, una rete in espansione di cinque Power Systems Linux Center sparsi per il mondo e la Power Development Platform, un cloud di sviluppo gratuito in cui gli sviluppatori possono eseguire i test e il porting delle applicazioni basate su x86 verso la piattaforma Power.
Sulla base di tale impegno, IBM ha presentato due sviluppi Linux: -la disponibilità del server Ubuntu, 14.04 LTS, Ubuntu OpenStack e tool di service orchestration Juju su tutti i sistemi POWER8; -l’introduzione di PowerKVM, una versione compatibile con Power Systems di KVM , la diffusa piattaforma di virtualizzazione basata su Linux, KVM, su tutti i sistemi POWER8 che girano esclusivamente con Linux. Questo annuncio è complementare al supporto esistente di IBM per i sistemi operativi Red Hat e SUSE Linux sulla sua offerta completa di Power Systems.
ibm-power8-chip-hand-370x290

I primi sistemi basati su Power8 sono i cinque server Power Systems S-Class, progettati per grandi ambienti di calcolo a scalabilità orizzontale. Due sistemi operano esclusivamente su piattaforma Linux: i server Power Systems S812L e S822L. Le altre tre offerte, i server Power Systems S814, S822 e S824, forniscono alle aziende la possibilità di utilizzare più sistemi operativi, tra cui Linux, AIX e IBM i.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore