Hyper-V e nuovi chip triple core per Amd

Workspace

Accanto all’aggiornamento della gamma Phenom, il vendor si apre alla virtualizzazione

Per contrastare Intel nell’informatica aziendale, Amd riapre la battaglia post-vacanze con due novità: l’arrivo di nuovi processori Phenomtriple core per postazioni di lavoro e un miglior sinergia fra Amd-V e l’hypervisor Hyper-V di Microsoft per i server.

Sul fronte dei pc da ufficio, il costruttore ha aggiornato la gamma di chip con tre nuovi modelli. L’X3 83750 Black Edition è progettato per adattarsi alle versioni più performanti dei processori grafici di Ati (filiale di Amd) e si rivolge soprattutto ai progettisti di contenuti digitali (video, siti Web e simili) nel mondo professionale. Gli altri due Phenom, ovvero l’X3 8450e e 8250e, si distinguono prima di tutto per il loro basso consumo elettrico (circa 65 watt per un disegno a 65 nanometri), anche se Intel può ancora far leva sul vantaggio di aver già completato il disegno di processori a 45 nanometri. Per il momento, al di là degli annunci, non ci sono ancora date ufficiali di rilascio e prezzi.

Sul lato server, Amd sta puntando sulla sinergia fra le capacità di virtualizzazione Amd-V, integrate ai processori Opteron, e l’hypervisor di Microsoft Hyper-V. Le due tecnologie saranno associate in nuovi server destinati a imprese di dimensione media, promettendo loro una riduzione dei costi, una crescita nelle prestazioni e risparmi in termini di consumi energetici, anche se non ci sono dettagli in termini numerici. La soluzione potrebbe interessare, in particolare, le imprese prive di struttura informatica interna o specialisti di virtualizzazione.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore