Intel Spin Qubit, passi avanti verso il computing quantistico

ComponentiWorkspace
Spin Qubit

Intel dà il via ai test del processore quantico Spin Qubit. Il quantum computing rivoluzionerà completamente gli scenari IT attuali, con i transistor che lasceranno il posto ai qubit

I ricercatori Intel muovono passi avanti nell’ambito del computing quantistico e hanno dato il via ai test sul nuovo microprocessore Spin Qubit. E’ il più piccolo chip per il computing quantistico mai realizzato da Intel. Ed è stato prodotto nella Fab D1D, in Oregon con le stesse tecniche disponibili oggi per la produzione dei suoi chip di silicio.

Semplificando quanto più possibile la concretezza del progetto IntelSpin Qubit è un chip molto, molto più piccolo della gomma presente sulle matite e ovviamente è molto più sottile. Il chip, Spin Qubit, funziona a temperature estremamente basse, tipiche del quantum computing, ovvero -460 gradi Fahrenheit, circa 237 gradi Celsius sottozero.

Questo chip ha la particolarità fondamentale di non sfruttare i transistor, alla base delle cpu attuali, che oggi funzionano come veri e propri switch on/off, ma di sfruttare i qubit. Dietro a questo nome  si cela il concetto di bit quantico. Così come il bit è l’unità minima di informazione nella computazione classica, la computazione quantistica si basa sul concetto di quantum bit (Qubit, appunto) oggetto matematico con specifiche proprietà: la rappresentabilità come vettore unitario di uno spazio di Hilbert, per fare un esempio, è una di queste.

I qubit possono contenere anche un singolo elettrone. Il comportamento di questo elettrone, che può avere in un determinato momento diversi spin, offre per questo una potenza di calcolo infinitamente maggiore rispetto all’architettura odierna a transistor.

Nella foto si intravvedono delle linee a zigzag. Sono fili stampati che servono a collegare i qubit del chip al mondo esterno. Lo Spin Qubit di Intel contiene Qubit straordinariamente piccoli, nell’ordine dei 50 nanometri e quindi visibili solo con il microscopio elettronico. Per fare un esempio il diametro di un singolo capello umano potrebbe contenere circa 1500 qubit.

Spin Qubit
Spin Qubit

Nel futuro, quindi, il design del nuovo chip Intel Spin Qubit potrebbe essere ulteriormente ridimensionato.

Le potenze di calcolo attuali che impieghiamo in ambito IoT, nell’elaborazione di enormi quantità di dati e nei data center attuali rappresentano solo un’infinitesima parte di quelle che avremo a disposizione nell’era dei computer quantistici. Tra gli ambiti in cui assisteremo a rivoluzioni importanti di sicuro quello dell’Intelligenza Artificiale.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore