Gartner, nel 2016 raddoppieranno le vendite di stampanti 3D

AccessoriWorkspace
Autodesk, la sua stampante 3D

Raddoppia di anno in anno, per unità vendute, il mercato delle stampanti 3D e sono ancora le stampanti basate sull’estrusione e a basso costo quelle più vendute. I dati Gartner con evidenze e particolarità

Si parla di volumi di vendita nell’ambito della stampa 3D. Gartner prevede che nel 2016 saranno vendute oltre 496mila stampanti, oltre il doppio di quelle previste per il 2015, quindi un incremento del 103 percento, con previsioni di crescita stimate in più del doppio di anno in anno fino al 2019, quando il numero sarà superiore ai 5,6 milioni di unità.

Il mercato della stampa 3D, che non può certo crescere ai ritmi dei dispositivi portatili, si sta però trasformando, è sempre meno un mercato di nicchia. Pete Basiliere, research vice president di Gartner, evidenzia come “l’innovazione nelle tecnologie di stampa 3D, la qualità, stanno guidando sia il mercato enterprise, sia il mercato consumer”.

Autodesk, la sua stampante 3D
Autodesk, la sua stampante 3D

Sono sette le tecnologie di base per la stampa 3D, però nelle previsioni di Gartner è sempre la tecnologia a estrusione quella che guida il mercato con oltre 230mila unità vendute nel 2015, questo anche grazie al fatto che i materiali utilizzati sono relativamente poco costosi. Il trend tecnologico in questo senso sembra confermato anche per i prossimi anni, con la tecnologia di stampa 3D a estrusione che rappresenterà il 97,5 percento di tutte le unità vendute. Secondo Gartner vi sono tuttavia evidenze in particolari mercati e alcune nicchie, anche in relazione ai prezzi e agli accordi di distribuzione più o meno forti, e questo arriva a influenzare anche la tecnologia dominante in determinati contesti.

Per esempio si sa che la tecnologia DED (directed-energy deposition) è particolarmente costosa, così come lo è a seguire quella a fusione “powder bed”. Le stampanti 3D con il prezzo inferiore ai 1000 dollari nel 2015 rappresenteranno il 25,5 percento sul totale dei pezzi venduti tra le stampanti dei segmenti fino a 1000 e tra i 1001 e i 2500 dollari (fascia di prezzo delle stampanti 3D a estrusione), ma da qui al 2019 sarà il 40,7 percento la percentuale delle stampanti con il prezzo tra uno e 2500 dollari.

Gli acquirenti del ‘mercato primario’ di stampanti 3D, fino ai 2500 dollari, non sono le aziende, e non sono i privati, quanto piuttosto a fini didattici le scuole e le università. Mentre il mercato enterprise al momento è più interessato alle soluzioni tecnologiche di alta qualità e quindi dal prezzo più elevato, proprio per arrivare a manufatti perfettamente definiti.

Read also :
  • gartner
  • mercati
  • News
  • stampa 3d
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore