Con l’esplosione del volume di informazioni e di dati, le aziende devono affrontare tre problemi: una maggiore richiesta di scalabilità, livelli superiori di complessità e costi, la minaccia di interruzioni operative quando i dati vengono messi offline durante le migrazioni da un sistema all’altro a causa delle limitazioni dello storage fisico.

Siamo in un momento di Disruptive Storage, cioè di profonda trasformazione delle infrastrutture aziendali dedicate alla memorizzazione, archiviazione e messa in sicurezza di applicazioni e dati. In questo scenario, lo storage viene ridefinito. L’approccio Software-defined-Storage è al centro del dibattito di oggi: quali i benefici, i costi, le caratteristiche tecniche.

Relatori

Emanuela Teruzzi

Direttore Responsabile, Techweekeurope.it

Riccardo Rasponi

Sales Consultant & Bid Management, Fujitsu

Partner

Invia la tua domanda

La tua email (*)

Il tuo messaggio (*)