SuSe Studio si aggiorna per il cloud. La versione 1.3 perfeziona i tool per Amazon EC2, OpenStack e SuseCloud

Software
Suse Studio

Si aggiorna la soluzione di Suse per generare immagini di applicazioni software utilizzabili con tutti gli hypervisor, e ben integrata con la soluzione Suse di gestione del ciclo di vita applicativo. Oltre a SuseCloud ne beneficiano Amazon EC2 e Openstack

E’ disponibile SuSe Studio 1.3 tutto dedicato agli ISV e ai data center aziendali. E si presenta perfezionato per Amazon EC2, OpenStack e SuseCloud. Si parla quindi dell’infrastruttura Elastic Compute Cloud di Amazon e della soluzione Iaas ideata da RackSpace Cloud e Nasa e poi sposata dai principali vendor di infrastrutture cloud.

SuSe Studio nasce per supportare le aziende a preparare immagini di applicazioni software da declinare in diversi ambienti fisici e virtuali, e ovviamente in cloud. Il compito dell’applicativo è quello di raccogliere le informazioni relative ai processi applicativi, in modo che gli utenti possano gestirle, aggiornararle e cambiarle in diversi ambienti di test, attraverso una sorta di dashboard semplificata sempre accessibile via Web.

Suse Studio Consolle
Suse Studio Consolle

La soluzione è strettamente legata alla piattaforma SuSe Cloud – promossa anche da OpenStack. SuSe Cloud viene utilizzata come applicazione predefinita per creare le immagini. Esiste un connettore software specifico  – WebHooks – in grado di agganciare tutte le immagini generate da Studio 1.3 per l’importazione in Suse Cloud. Studio può interfacciarsi e supporta tutti i più conosciuti hypervisor e le più conosciute piattaforme cloud: Vmware, VirtualBox, Hyper-V, Xen e i già citati OpenStack e Amazon EC2.

SuSe Studio infine può sfruttare altre due risorse fondamentali dell’ecosistema: la prima è Suse LifeCycle Management Server. Può essere sfruttato come elemento di gestione in SuSe Studio prima di iniziare il processo di costruzione dell’immagine.

In questo modo con la soluzione di LifeCycle Management Server si potranno poi gestire per tutto il ciclo di vita dell’applicazione gli aggiornamenti, i diritti d’uso e le successive immagini da un unico sistema di controllo.

Inoltre Suse mette a disposizione nel suo online store lo spazio per pubblicare, condividere e promuovere gratuitamente le immagini di applicazioni e appliance create. La seconda risorsa si chiama quindi Suse Gallery: lo store gratuito, che ad oggi vanta oltre 19mila immagini di applicazioni su un totale complessivo di immagini sviluppate vicino ai due milioni.

 

 

 

 

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore