Parallels Desktop 9, il modo più facile per usare Windows sul Mac

Software

La nuova versione permette di utilizzare Windows 8 sul Mac con il menu Start e un tradizionale menu di avvio, oppure di lanciare i programmi scritti per Windows direttamente, lasciando l’Os di Microsoft in background. Con Parallels Access invece si accede al proprio Mac e alle applicazioni (Win e Mac) installate direttamente dall’iPad

Probabilmente dopo qualche tempo trascorso a utilizzare il Mac, pochi sentiranno la mancanza di Windows 8, ma anche i fedelissimi di Windows, che desiderano continuare a utilizzare ancora anche il sistema operativo di Microsoft, avranno non poche sorprese con Parallels Desktop 9, il noto software che permette non solo di lavorare con il Mac virtualizzando l’Os di Redmond, ma anche di utilizzare i programmi scritti per Windows direttamente sul proprio Mac, rimanendo in ambiente di lavoro Mac.

Parallels e Windows 8 Start Menu
Parallels Desktop e Windows 8 Start Menu

Ora – con la nuova versione – si può usare Windows 8 sul Mac, con un vero pulsante Start (e relativo menu di avvio) e con l’interfaccia a Tile non necessariamente visualizzabile solo a schermo pieno. In pratica gli utenti Mac potranno utilizzare Windows 8 sul Mac in un modo ancora più comodo di quanto non sia possibile fare con Windows 8 installato sul pc. E’ supportato anche l’utilizzo multimonitor, per visualizzare su un display Windows 8 virtualizzato e sull’altro l’interfaccia Mac pulita.

Parallels Desktop per Mac è, a nostro avviso e sulla scorta dell’esperienza con le versione precedenti, preferibile anche al più conosciuto competitor Vmware Fusion, almeno per l’utilizzo personale, proprio per questa estrema flessibilità.

Nella nuova versione, oltre alle caratteristiche segnalate balzano all’occhio le funzioni di integrazione con i sistemi di storage in cloud iCloud, Dropbox, Google Drive e SkyDrive in modo da poterli utilizzare senza spreco di risorse disco locale (non vengono duplicati i file sui diversi sistemi operativi); è già previsto il supporto per la prossima versione del sistema operativo Mac Mavericks, Parallels Desktop ora consente il collegamento di periferiche firewire e Thunderbolt come se fossero devices USB.

Parallels Desktop 9_600
Parallels Desktop 9

Il produttore garantisce poi un miglioramento complessivo delle prestazioni, di circa il 40 percento nei tempi di accesso al disco e intorno al 20 percento per quanto riguarda avvio e spegnimento della macchina virtuale. Più difficile i medesimi miglioramenti quando si utilizzano soluzioni di grafica 3D, in questo caso si parla di appena il 15 percento di velocità in più con supporto per le Direct X10 e Open GL.

Con Parallels Access per iPad, da acquistare a parte, è possibile accedere da remoto al proprio Mac e ai programmi sul Mac (anche quelli per Windows) da iPad con una visualizzazione applicativa studiata ad hoc per garantire la migliore usabilità per questo device, così per esempio sono supportate le gesture di iPad con le app non native.

Chi già dispone di Parallels Desktop può aggiornare la propria versione a un prezzo vantaggioso già da oggi (49 ,99 dollari, il prezzo pieno è di circa 80 dollari). La versione definitiva per tutti sarà invece disponibile dal 5 di settembre, prezzo speciale per la versione Studenti a 39,99 dollari. Parallels Access per iPad sarà disponibile in abbonamento gratuito per sei mesi per chi acquista Parallels Desktop 9. Il valore commerciale di questa offerta è di circa 40 dollari. Ricordiamo per ultimo che Parallels Dekstop 9 dispone di una stampante PDF utilizzabile anche con i programmi che normalmente non supportano la creazione di PDF in questo modo e di procedure facilitate anche per creare macchine virtuali Linux sul proprio Mac.

 

 

 

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore