Oracle lancia In-Memory Option per Database 12C

ProgettiSoftwareSoftware vendor

Oracle Database In-Memory permette di accelerare le prestazioni dei database nell’analisi, nel data warehousing e nel reporting

Oracle presenta l’opzione in memory per il suo Database 12C. La scelta è di recuperare terreno su Hana della concorrente SAP , ormai sul mercato da tre anni. Tenuta a battesimo da Larry Ellison , la In-Memory Option si propone come un plug in di semplice inserimento nel sistema ed è ottimizzata da subito per il database di Oracle; non si devono installare o riscrivere applicazioni e neppure cambiare policy aziendali. Oracle Database In-Memory raggiunge performance in-memory di punta senza bisogno di limitare le funzionalità né imporre compromessi, complessità o rischi. Installare Oracle Database In-Memory praticamente con qualsiasi applicazione compatibile con Oracle Database è facilissimo e non occorre alcuna modifica all’applicazione.

La soluzione è totalmente integrata con le tecnologie per la sicurezza, la disponibilità, il tiering delle risorse storage e la scalabilità orizzontale e verticale per cui Oracle Database è famoso, affermandosi così come la proposta più solida del settore Uno dei pregi di prestazioni ( ma non di costo) di questo database in memory è l’enorme quantità di memoria dinamica DRAM di cui fa uso, fino a 32 Tera.

Come indica un nota aziendale, con il lancio di Oracle Database In-Memory, Oracle fa fare alle aziende un passo decisivo verso il Real-Time. Oracle è infatti l’unica azienda in grado di implementare funzionalità in-memory ottimizzate attraverso applicazioni, middleware, database e sistemi. Oracle Database In-Memory estende trasparentemente la potenza di Oracle Database 12c per permettere alle aziende di scoprire informazioni critiche di business in tempo reale aumentando simultaneamente le performance transazionali. Con Oracle Database In-Memory gli utenti ottengono risposte immediate a quesiti di business che in precedenza avrebbero richiesto ore di tempo, e possono garantire un’esperienza migliore e più veloce ai loro interlocutori interni ed esterni.

C’ è anche l’obiettivo di raccogliere un ecosistema di applicativi di terze parti in ambito analytics, data warehousing, reporting in associazione con una accelerazione spinta dei processi di online transaction processing (OLTP). Sulle differenze di performance in OLTP con SAP Hana punta il dito i tecnici di Oracle. Su questo punto naturalmente non son d’accordo in casa SAP e si attende una battaglia in piena regola a base di benchmark e dichiarazione soprattutto per le soluzioni in ambito ERP.

Il prodotto prima della disponibilità generale entra in una fase di validazione e test da parte di terze parti oltre che per le applicazioni enterprise di Oracle stessa compresi i moduli Oracle E-Business Suite e i prodotti PeopleSoft.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore