Yammer, il social network al servizio delle aziende

EnterpriseOfficeSoftware
Vieri Chiti, direttore della divisione Office di Microsoft Italia

Yammer è la piattaforma social per il business di Microsoft, integrabile a diversi livelli in Office 365, nata per fare in modo che le informazioni in azienda circolino in modo naturale come accade nei flussi di comunicazione privata quando si condividono progetti e idee o si cerca la soluzione ai problemi

Yammer era stata acquisita da Microsoft all’inizio dell’estate del 2012 per 1,2 miliardi di dollari e all’epoca la sua applicazione di social enterprise contava circa 5 milioni di utenti. Sono trascorsi quasi due anni, e ora gli utenti sono diventati 8 milioni (con una crescita di oltre il 55 percento nel primo anno dopo l’acquisizione), ma soprattutto Yammer è entrata a tutti gli effetti nel portafoglio delle soluzioni di Microsoft per le realtà aziendali.

“Come fare in modo che le informazioni nella vostra azienda circolino nel modo più simile possibile a quello che si usa per le comunicazioni private?”. E’ così che Vieri Chiti, direttore della divisione Office di Microsoft Italia, spiega il significato di Yammer, che vuole essere la risposta proprio a questa esigenza, in un contesto veramente emblematico di cambiamento dei paradigmi, se si pensa che solo fino a tre/quattro anni fa il mondo social veniva considerato l’ennesimo ostacolo alla produttività in ufficio (come era accaduto per chat e email in tempi ancora più antichi).

Condividere documenti, permettere a tutti gli iscritti di lavorare meglio in gruppo, responsabilizzare e valorizzare le opinioni dei dipendenti e il confronto tra loro, oltre a cercare informazioni aggiornate su un determinato tema, sono invece le potenzialità intrinseche della piattaforma Yammer che si affianca e si integra alle soluzioni di collaboration già a portafoglio: email, Sharepoint, Lynch, Skype.

Yammer
Il logo di Yammer, l’applicazione mobile è disponibile per Windows Phone, Android e Apple iOs

Chiaro, Yammer non è un social network pubblico, ma nasce proprio per trovare più velocemente all’interno delle risorse aziendali la soluzione a diversi problemi, e rappresenta un’occasione per accelerare lo sviluppo dei progetti permettendo a tutti di  suggerire, chiedere, promuovere, anche con un sistema pratico e concreto di riconoscimento dell’expertise di ciascuno, con una sorta di ‘coin’.

Come funziona Yammer? Ci si iscrive (ovviamente c’è una governance a monte che autorizza l’accesso in sicurezza),  si crea un Profilo con le informazioni di background necessarie per essere riconoscibili ed entrare in relazione con i colleghi, si può rimanere informati su un argomento, così come gestire e creare Gruppi pubblici o privati. Attraverso la funzione Segui è possibile visualizzare i messaggi altrui nel proprio feed seguendo le persone e gli argomenti d’interesse. È poi facile interagire cliccando Rispondi ed esprimere accordo su un’idea con Like. A parlarne, e anche a vederlo all’opera Yammer fa sentire subito a casa propria, e richiamare tante delle funzionalità sia di Facebook, sia di Twitter e Linkedin. La ricerca degli argomenti di proprio interessa è basata su Tag,

Vieri Chiti, direttore della divisione Office di Microsoft Italia
Vieri Chiti, direttore della divisione Office di Microsoft Italia

Secondo Vieri Chieti: “Le realtà aziendali oltre che con le divisioni reali, portano avanti progetti impegnativi sulla base di costituzione di veri e propri team virtuali, che hanno bisogno di condividere le informazioni”. Non solo, l’ingaggio di relazioni virtuose a livello aziendale deve tener conto degli stimoli dei clienti dall’esterno.

E’ questa secondo noi la sfida più importante per Yammer: svilupparsi per essere in grado di ‘catturare’ gli stimoli più interessanti dai social pubblici e riuscire a far tesoro degli stimoli dall’esterno, in una relazione proattiva, ma gestibile in uno spazio di condivisione che non sia critico per i processi aziendali. Yammer può restere in azienda, crescere su infrastruttura cloud anche come servizio, permette la gestione accurata di policy, password, il monitoraggio per sessioni, per parole chiave, e le opportune restrizioni di accesso.

Microsoft ha già lavorato su soluzioni per la mappatura dei processi in atto in azienda con Enterprise Graph e offre strumenti per rendere social su Yammer i dati distribuiti sulle applicazioni di business. L’integrazione con Office 365, SharePoint Online, e la messaggistica sono già punti di forza, ma la differenza rispetto a soluzioni social enterprise già proposte da altri vendor si gioca proprio sulla capacità di raggiungere i clienti non con un’ennesima proposta alternativa, per quanto vantaggiosa , ma puntando sull’integrazione e il controllo in Yammer dei flussi comunicativi che riguardano la propria azienda, anche quando provengono dai social pubblici.

 

 

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore