IoT: ARM va avanti con il progetto mbed

Giornalista e collaboratore di TechWeekEurope, si occupa professionalmente di IT e nuove tecnologie da oltre vent'anni e ha collaborato con le principali testate italiane di settore

Follow on: Linkedin

Arrivano i primi risultati concreti di mbed, l’ecosistema pensato da ARM per soluzioni standard di Internet of Things

Siamo forse un po’ in ritardo sui piani iniziali, ma ARM va avanti con lo sviluppo della sua piattaforma mbed per la realizzazione di device per l’Internet of Things. L’annuncio importante di queste ore riguarda il rilascio della versione Beta del sistema operativo mbed OS, in modo che possa iniziare a essere testato sul campo, e l’arrivo delle nuove versioni (alcune anch’esse Beta) di altri componenti della piattaforma.

La timeline prevista per lo sviluppo di mbed
La timeline prevista per lo sviluppo di mbed

La novità principale è ovviamente mbed OS. È un sistema operativo open source pensato in modo specifico per i nuovi device in ottica IoT. Secondo ARM si distingue da altri sistemi operativi embedded perché questi sono stati sviluppati quando non si pensava ancora a reti con migliaia di oggetti che comunicano in maniera poco prevedibile. E soprattutto non si pensava di dover portare a livello di singolo device alcune funzioni di sicurezza (tra cui il protocollo di cifratura TLS) e gestione che sono invece necessarie in una rete IoT. mbed OS si distingue anche per poter essere installato su vari tipi di dispositivi, anche poco potenti, grazie alla sua semplicità. Versioni più articolate, in particolare multithread, arriveranno nel 2016.

mbed OS è il lato client della piattaforma ARM, per operare deve dialogare con altri tre componenti di cui sono state ora rilasciate nuove versioni: mbed Device Connector, mbed Device Server e mbed Client. Il primo è un servizio online che permette agli sviluppatori di collegare i loro dispositivi IoT al cloud senza dover costruire una infrastruttura ad hoc. In pratica fa da ponte tra i dispositivi sul campo e le applicazioni web che ne devono usare i dati.

Un esempio di applicazione per mbed Client, integrato in una serratura
Un esempio di applicazione per mbed Client, integrato in una serratura

Chi vuole creare lo stesso collegamento tra dispositivi e applicazioni ma senza usare un servizio cloud, quindi su una infrastruttura propria, può adottare il Device Server: è un middleware che si occupa non solo di “passare” i dati dal campo alle applicazioni ma anche di aspetti accessori come la gestione dei dispositivi sul campo, sempre nell’ambito delle funzioni previste da mbed OS e dai partner di ARM che lo useranno e lo supporteranno.

Infine, mbed Client è un modulo che può essere installato in dispositivi che non adottano mbed OS ma che vogliono connettersi ugualmente al Device Connector o al Device Server, per rientrare in qualche modo nell’ecosistema mbed. È una sorta di mbed OS ridotto al minimo che può essere integrato in alcuni dispositivi basati su chip ARM.

Read also :