IDC: il mercato della stampa 3D non è più una promessa

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Secondo IDC la stampa 3D ha raggiunto il punto di svolta e crescerà di 10 volte entro il 2017

Il mercato della stampa tridimensionale ( 3D) sta per emergere da settore di nicchia verso applicazioni mainstream. Una ricerca di Idc prevede crescite enormi sia a volume che per fatturato nei cinque anni dal 2012 al 2017, con un tasso di crescita medio composto rispettivamente del 29 e del 59 per cento. Come si legge in una nota , mentre le tecnologie di stampa tradizionali stanno affrontando una fase di maturità , le stampanti 3D cresceranno in volumi di dieci volte nel quinquennio previsto e il valore del l’hardware a livello mondiale più che raddoppierà a breve termine.

Ora in un rapporto Idc dichiara che il mercato della stampa in 3D rappresenta un’opportunità incredibile. Si sta muovendo al di fuori degli interessi degli hobbysti e sta affacciandosi in diversi settori industriali con benefici di costi e di tempi di realizzazione dei manufatti. I settori elencati sono: le applicazioni di Ricerca e Sviluppo, il settore aerospaziale, l’education , l’healthcare, la gioielleria.

mojo-3d-printer-2

Anche i settori in cui la stampa 3D di tipo industriale si è sviluppata negli scorsi anni sta scoprendo i benefici delle stampanti desktop in 3D che si rivolgono ai singoli utenti. Morti costruttori automobilistici ad esempio mettono le stampanti 3D sulle scrivanie dei loro ingegneri per permettere loro di esplorare velocemente versioni successive del medesimo progetto senza aspettare la costosa stampa di modelli di tipo industriale.

Konica Minolta starebbe per firmare un accordo in questo senso con un produttore di stampanti 3D , mentre HP ha giù dichiarato il suo interesse per il settore. HP ha già dichiarato di voler entrare nel settore per crescita organica e non tramite acquisizioni con prodotti disponibili già da quest’anno.

Secondo Idc altri vendor di sistemi di stampa tradizionali vedono un ‘opportunità interessante nella stampa 3D. Ma ci sono nomi nuovi che hanno creato il mercato come Shapeways o Makerbot acquisita per 403 milioni di dollari da Stratasys , già partner di HP

Read also :