Microsoft: buone notizie dalla collaboration

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

SharePoint è più integrato con Office 365 e Teams promette di confrontarsi bene con le altre soluzioni di collaboration

Come aveva preannunciato, Microsoft ha provveduto a integrare i team site (o siti del team, secondo la localizzazione italiana) di SharePoint Online all’interno dei gruppi di Office 365. In realtà questa modifica è stata già diffusa tra gli utenti First Release alla fine dello scorso anno e la novità sta nel fatto che viene ora estesa progressivamente a tutti gli utilizzatori. Il rollout dovrebbe essere completato entro fine gennaio.

L’integrazione viene descritta da Microsoft come un mezzo per collaborare “in una maniera più moderna e più connessa”. Si tratta di una evoluzione che in pratica vede la creazione automatica di un team site di Sharepoint all’atto della creazione di un gruppo in Office 365. Il sito comprende una homepage, estendibile con altre pagine, e altri elementi aggiuntivi tra cui in primo piano le document library e le applicazioni di produttività.

Un Team Site di SharePoint Online legato a un gruppo di Office 365
Un Team Site di SharePoint Online legato a un gruppo di Office 365

L’integrazione avviene anche nell’altro senso, ossia la creazione di un nuovo team site implica la sua appartenenza a un gruppo di Office 365. Dato che l’aggiornamento è automatico e riguarda anche i gruppi già creati, man mano gli utenti appartenenti a un gruppo avranno a disposizione il nuovo sito, una web part denominata Activity con segnalate le azioni di gruppo più recenti e alcuni strumenti per l’authoring dei contenuti web.

Sempre più collaboration

La maggiore focalizzazione di Microsoft sul tema del lavoro di gruppo è dimostrata anche dal successo potenziale di Microsoft Teams, secondo uno studio recente eseguito da Spiceworks.

Secondo l’indagine, portata avanti su un campione di circa 450 professionisti IT, al momento l’adozione di Teams è bassa (circa il 3 percento del campione) e piuttosto lontana da quella sia di Slack (13 percento) sia di Google Hangouts (16 percento). Nel giro di un paio d’anni le cose sono destinate però a cambiare: il 17 percento del campione ha dichiarato di avere in piano di adottare Microsoft Teams nel giro di due anni, il che permetterebbe al tool Microsoft di superare i due concorrenti entro fine 2018.

Uno degli elementi che viene citato come positivo per l’adozione di Teams è proprio la stretta integrazione con Office 365.

Read also :