ConferenceCam Kit: Logitech e Intel insieme per la videoconferenza

CollaborationSoftware

Il ConferenceCam Kit studiato da Logitech e Intel comprende tutto quello che serve a creare una conference room con semplicità, MiniPC NUC incluso

Una delle strade che stanno seguendo i vendor di sistemi per la videoconferenza è semplificare al massimo l’installazione e la configurazione del loro prodotti. I sistemi integrati sono una possibile soluzione, ma di solito nelle applicazioni più semplici si preferisce usare un computer dedicato connesso ad alcune periferiche (telecamere, microfoni, display) e alla rete. Logitech e Intel hanno ideato un kit – il ConferenceCam Kit – che ha l’obiettivo di semplificare proprio l’installazione di questo tipo di sistemi.

Il vantaggio del kit sta nel comprendere anche il computer che si occupa di gestire tutto il sistema di videoconferenza, quini nell’evitare agli utenti il problema di scegliere il computer giusto tecnicamente e compatibile con il resto dell’hardware. Non si tratta di un computer tradizionale ma è una versione dell’Intel NUC, il MiniPC con un fattore di forma improntato al minimo ingombro e basato, a seconda dei modelli, su processori che spaziano dai Celeron ai Core i7.

conferencecam kit
Il ConferenceCam Kit di Logitech e Intel

Il Logitech ConferenceCam Kit comprende una videocamera ConferenceCam che supporta riprese video 1080p e che può fare capo al sistema Group oppure alla linea Connect. In più ci sono anche un telecomando e una tastiera wireless per interagire con il NUC. L’annuncio non indica in modo specifico il modello di NUC previsto dal kit, ma specifica il supporto per più display HD e 4K e questo esclude i modelli di fascia medio-bassa.

Lato software il kit può aprire la strada a diverse soluzioni. Innanzitutto comprende la piattaforma Intel Unite e questo permette di condividere contenuti e presentazioni in wireless con i client presenti nella sala conferenze. Una seconda piattaforma integrata è QuickLaunch SE, che trasforma un PC Windows (in questo caso Windows 10) in un sistema “chiuso” dedicato solo alla videoconferenza ed estendibile unicamente dallo staff IT, che può eventualmente decidere di abilitare anche altre applicazioni. QuickLaunch abilita anche alcune funzioni tipiche dei sistemi di videoconferenza come la cancellazione del materiale usato e condiviso alla fine della videoconferenza.

Infine, il ConferenceCam Kit è proposto anche come “nodo” di un sistema di videoconferenza e collaboration in cloud, sempre nell’ottica della semplificazione. È comunque compatibile, spiega Logitech, con qualsiasi piattaforma enterprise di conferencing basata su PC o client web.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore