Privacy. OK europeo per Microsoft Azure

SicurezzaSistemi OperativiWorkspace

La piattaforma Microsoft Azure diventa la prima soluzione che soddisfa le stringenti richieste UE sulla privacy

I servizi cloud proposti da MicrosoftAzure, Office 365, Dynamics CRM e Windows Intune – sono approvati dall’Unione Europea in quanto adeguati ai suoi standard più restrittivi riguardo alla privacy. Si tratta degli standard dell’ Article 29 Working Party, che comprende le autorità per la protezione dei dati dei 28 stati membri dell’Unione Europea e la Commissione Europea. Di più , Microsoft si è guadagnata la citazione di prima – e finora unica – azienda a ricevere questa approvazione.

azure.platform

L’ Article 29 Working Party lavora per assicurare la coerenza nell ‘applicazione della legge europea sulla privacy , approva i codici di comportamento per la elaborazione dei dati personali, e dà consigli sul fatto che i paesi al di fuori dell’Unione proteggano adeguatamente i dati che vi vengono trasferiti a partire dall’Unione Europea. Si tratta dunque di attività che possono avere profonde ripercussioni nel mercato globale del cloud computing.

D’altro canto Microsoft riconosce in un nota che i regolamenti per la protezione dei dati dell’UE sono i più avanzati nel mondo. Dunque indipendentemente da dove i dati della clientela siano conservati sulla rete globale dei data center di Microsoft la privacy resta assicurata. L ‘approvazione dell’ Article 29 Working Party significa in pratica che i clienti di Microsoft non devono preoccuparsi se i servizi cloud cui aderiscono su base mondiale siano trasferirti da Europa a Stati Uniti, ma vanno considerati adeguatamente protetti dalla garanzia di Microsoft anche nei trasferimenti su base globale. Il messaggio diventa rassicurante anche per i clienti a base Usa che hanno attività in Europa e in altri paesi del mondo. I clienti di Microsoft non basati nell’UE godranno delle stesse protezioni tecniche stringenti che soddisfanno l’ Unione Europea.

Inoltre dopo lo scandalo seguito alle rivelazioni di Edward Snowden sul comportamento della National Security Agency la rassicurazione di Microsoft rientra nelle attività svolte anche da altri provider come Apple , Google e Yahoo per ristabilire la fiducia nel cloud made in USA.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore