Oracle potenzia la propria Access Management Suite

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Si rinnova, anche con ingredienti Bea, la piattaforma per la gestione degli accessi che include nuove tecnologie di autenticazione e autorizzazione

Capitalizzando le acquisizioni di Oblix, Bharosa e Bea, la società di Redwood ha messo a punto un nuovo bundle di soluzioni software, denominato Oracle Access Management Suite. Si tratta di una proposta integrata che offre una dotazione di tecnologie per l’autentificazione e l’autorizzazione che supportano le applicazioni Web Sso (single sign-on), includendo protezione dalle frodi e federazione interaziendale.

In aggiunta, Oracle ha realizzato anche Entitlements Server, un’evoluzione ribrendizzata del software Bea AquaLogic Enterprise Security che rende disponibili politiche e attributi utente cone ruolo o posizione in modo da porre sofisticati controlli degli accessi alle risorse di rete, docuemnti compresi. Entitlements Server supporta Extensible Access Control Markup Language (Xacml), abilitando politiche all’insegna dell’interoperabilità.

Gli altri server della suite sono Adaptive Access Manager per la strong authentication e la protezione dale frodi, Access Manager for Web Sso e Identity Federation per il controllo degli accessi di dominio trasversali. Anche se Oracle continuerà a vendere comunque ogni singolo prodotto separatamente, la suite è interessante in quanto include a livello di middleware Oracle Fusion, Oracle applications, Office SharePoint Server, Ibm WebSphere nonché Bea Weblogic.

Read also :