Il Security Summit parla di sicurezza ICT per le imprese e la Pubblica amministrazione locale

EnterpriseFisco e FinanzaSicurezza

Si aggiorna con i dati di quest’anno il Rapporto Clusit 2013 sulla situazione della sicurezza ICT in Italia

Si svolgerà il 3 ottobre a Verona il quarto appuntamento dell’edizione 2013 di Security Summit, evento dedicato alla sicurezza delle informazioni, delle reti e dei sistemi informatici organizzato dal Clusit. Durante la sessione plenaria sarà presentato il Rapporto Clusit 2013 sulla situazione della sicurezza ICT in Italia, aggiornato per l’occasione con l’analisi degli attacchi e degli eventi dannosi verificatesi nel primo semestre di quest’anno, che indica un aggravamento della situazione rilevata nel corso del 2012 in termini di tipologie di vittime, protezioni inefficaci e piattaforme coinvolte negli attacchi.

Ne anticipiamo alcune considerazioni sulle tendenze in atto per quest’anno. Come si legge nel rapporto , “Mentre nel 2012 si evidenzia nettamente l’incremento di incidenti dovuti al cyber crime, un aumento meno marcato di quelli dovuti agli hacktivist, una diminuzione degli attacchi realizzati da ignoti, un leggero aumento degli attacchi legati ad attività di cyber warfare ed una leggera diminuzione dei casi noti di cyber espionage, nel primo semestre del 2013 crescono le attività degli hacktivist e di cyber espionage, mentre il cyber crime si mantiene stabile al primo posto”. Nonostante il settore governativo mantenga il non invidiabile primato di essere bersaglio più frequentemente colpito , nel primo semestre di quest’anno è il settore Banking / Finance a mostrare la maggiore crescita in valore assoluto degli attacchi (+197%). Rispetto al 2012 si nota un sostanziale incremento degli attacchi non solo contro le banche, ma anche contro istituzioni scolastiche, vendor di sicurezza e infrastrutture critiche .

Per quanto riguarda la classificazione degli incidenti in base alle tecniche di attacco, si evidenzia l’aumento di alcuni tipi di minacce. In valore assoluto continuano a prevalere le tecniche di SQL Injection , ma aumentano sensibilmente anche gli attacchi di tipo Distributed Denial of Service e quelli realizzati tramite le APT.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore