Il cybercrime fa perdere business per oltre 300 miliardi di dollari l’anno

Security managementSicurezza

I consulenti di Grant Thornton stimano che negli ultimi 12 mesi le aziende abbiano perso 315 miliardi di dollari in mancato business a causa del cybercrime. E poi ci sono i costi aggiuntivi…

Quanto business fa perdere il cybercrime? Dopo tanti pareri di aziende specializzate in tecnologia ora c’è anche la stima di chi viene da un settore diverso: i consulenti finanziari della britannica Grant Thornton International hanno stimato che negli ultimi dodici mesi gli attacchi informatici alle aziende di tutto il mondo abbiano fatto loro perdere qualcosa come 315 miliardi di dollari. La cifra è la quantificazione del mancato business derivante dagli attacchi, per come è stato stimato da 2.500 manager aziendali di 35 nazioni contattati per una indagine. In media, le imprese contattate da Grant Thornton stimano che un attacco informatico che abbia successo costi l’1,2 percento di fatturato in meno.

315 miliardi di dollari è un valore già superiore al PIL di molte nazioni, ma va poi considerato che non comprende altri tipi di costi altrettanto rilevanti collegati a un attacco, come ad esempio la spesa per ripristinare i sistemi colpiti e metterli in sicurezza o quella in compensazioni garantite ai clienti coinvolti in qualche fuga di dati. E proprio i clienti sono il fattore principale per cui le aziende si proteggono: il 44 percento del campione di Grant Thornton ha implementato misure di sicurezza su esplicita pressione dei clienti.

La distribuzione temporale degli attacchi alle istituzioni finanziarie nel 2015
La distribuzione temporale degli attacchi alle istituzioni finanziarie nel 2015

Secondo l’indagine di Grant Thornton più di una azienda su sei ha subito un attacco informatico negli scorsi 12 mesi e quasi la metà non ha una strategia trasversale per difendersi dalla criminalità digitale. Le aziende dell’Unione Europea sono state le più bersagliate (il 19 percento di loro riporta almeno un attacco nell’ultimo anno) seguite da quelle nordamericane (18 percento). C’è parità anche nei costi per mancato business: complessivamente 62 miliardi di dollari per le imprese europee e 61 per le nordamericane. Più cospicue le conseguenze per le aziende del settore Asia-Pacifico: 81 miliardi di mancati affari.

Prevedibilmente, le aziende del settore dei servizi finanziari sono quelle maggiormente preoccupate di essere vittima di attacchi (per il 74 percento di loro il cybercrime è una minaccia) anche perché è proprio questo settore a registrare più violazioni (il 26 percento delle aziende ne ha subito almeno uno). Le più “tranquille” sono invece le aziende del settore trasporti: per loro il cybercrime è una minaccia solo nel 27 percento dei casi e solo il 10 percento segnala almeno un attacco nello scorso anno.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore