I Big Data rilevano le minacce con RSA Silver Tail 4.0

Sicurezza

La soluzione RSA Silver Tail può analizzare un’enorme quantità di sessioni web e presentare i risultati in modo da aiutare a stabilire le priorità d’intervento e semplificare le investigazioni degli incidenti

RSA annuncia la disponibilità della soluzione Silver Tail 4.0 per il rilevamento delle minacce web. Si tratta della prima release dall’acquisizione di Silver Tail nell’ottobre 2012. In linea con i trend attuali della sicurezza IT questa versione è stata progettata per fare leva sull’analisi dei Big Data per supportare i responsabili di sicurezza ad analizzare rapidamente milioni di sessioni web al fine di identificare frodi, minacce alla sicurezza e in tempo reale.

RSA Silver Tail si indirizza alle organizzazioni del settore banking, e-commerce e governative e ha lo scopo di separare le normali sessioni web dei clienti da quelle potenzialmente pericolose, riducendo significativamente i costi associati alle frodi online, alle minacce alla sicurezza e alle violazioni.

Silver Tail integra una nuova interfaccia utente intelligente che permette alle aziende di ottenere una maggiore visibilità delle attività sui siti web con milioni di sessioni contemporanee. La nuova interfaccia è progettata per offrire capacità di visualizzazione dei Big Data, che includono funzioni interattive per la semplificazione e prioritizzazione del rilevamento e investigazione degli attacchi. Sono organizzate per priorità le liste di elementi sospetti come IP, utenti, pagine web e dati di sessione web, permette una rapida identificazione e investigazione delle minacce.

Inoltre, grazie alla funzione Streaming Analytics e al calcolo del punteggio di rischio associato a ogni click, Silver Tail identifica gli attacchi e il traffico pericoloso ed evidenzia comportamenti che non sarebbero rilevabili mediante l’analisi dei soli log delle sessioni web. Di conseguenza le aziende ottengono una significativa riduzione dei costi diretti e indiretti associati a frodi, sicurezza e altri utilizzi dannosi dei siti, quali violazione di account, tentativi di individuazione di password, attacchi Distributed Denial-of-Service, scraping dei siti, business logic abuse, come lo sfruttamento della funzionalità di una shopping cart o i rimborsi online.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore