Google rafforza il BYOD delle sue Apps aziendali

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Google arricchisce e la console di gestione dei terminali mobili nelle sue Apps per le aziende. Distinzione tra dati privati e aziendali

Google ha arricchito le funzionalità di gestione della sua console di amministrazione per le Google Apps. L e novità si concentrano sulla gestione dei terminali mobili. Le Google Apps for Business ( e le loro edizioni per gli enti governativi e il settore education) propongono dei servizi online di messaggistica ( Gmail, Hangouts) , agenda ( Calendar) , elaborazione testi, spreadsheet e presentation ( Docs) e storage ( Drive) ai professionisti che così si liberano dai compiti di gestione dell’infrastruttura IT e del software . Le applicazioni sono disponibili da un desktop o in mobilità , anche con il terminale mobile dell’utente.

In quest’ultimo caso si pone per l’azienda il noto problema della gestione dei rischi di sicurezza in caso di furto o smarrimento del dispositivo mobile. Il ben noto problema del BYOD. Per dargli risposta Google ha messo a punto Google Apps Mobile Management, una console di amministrazione che prevede attivazione dei terminali, configurazione, diritti di accesso per l’utente, controllo delle applicazioni, rapporti statistici di utilizzo. La console è compatibile con i terminali Android e quelli che permettono l’utilizzo di Google Sync ( nel caso specifico Windows Phone e iOS, ma non Blackberry e non i terminali che utilizzano Imap e Pop per sincronizzarsi con le Apps).

mobile-graphs

Lo strumento si arricchisce di nuovi servizi di amministrazione remota:
– cancellazione selettiva di un conto Google Apps e dei suoi dati senza toccare il contenuto personale dell’utente
– cancellazione dei dati contenuti in una scheda SD quando si cancella completamente il terminale
– controllo dell’aggiornamento della versione dell’agente Google Apps Device Policy dedicato alla sincronizzazione delle regole di sicurezza del terminale – configurazione delle regole di utilizzo del WiFi
– separazione dell’utilizzo privato e personale Google intende cosi continuare a rispondere ai bisogni di circa 5 milioni di utenti di Google Apps in relazione all’utilizzo delle applicazioni in mobilità per le quali la società contribuisce attivamente attraverso lo sviluppo di Android.

In particolare si segnala il servizio di separazione tra dati e utilizzi privati e aziendali del terminale , i un servizio che entra nelle richieste più pressanti da parte delle organizzazioni professionali. Resta tuttavia da verificare che il servizio incontri il favore del mercato a confronto con alcune soluzioni on premises ( come Blackberry Enterprise Service 10.1 che ormai mette in sicurezza anche dispositivi Android e iOS) o servizi gestiti offerti da diversi provider. Per non parlare della miriade di soluzioni MDM già presenti sul mercato.

Read also :