Germania e USA ai ferri corti sul cyber spionaggio

Sicurezza

La Germania tentata da una strada propria alle protezione dei dati fino alla richiesta di procedere alla creazione di un ramo solo tedesco di Internet

Le operazioni di intelligence di NSA sul suolo tedesco hanno creato nel tempo una crescente irritazione da parte del governo di Berlino fino a portare all’annuncio della settimana scorsa di una pubblica espulsione del capo della stazione della CIA in Germania. Lo spionaggio diretto sui terminali della Cancelliera Angela Merkel ha portato a questa decisione di alto valore simbolico anche per le relazioni tra i due Paesi. Non e’ bastato l’ordine formale del presidente americano Obama di porre fine alle operazioni di spionaggio verso i governi “ amici”.

merkel

E’ questa l’ennesima ondata di reazioni alle rivelazioni di Snowden sul comportamento della National Security Agency degli Stati Uniti. Una lunga analisi del New York Times risale alle origini della vicenda e ai precedenti di espulsione.E all’orizzonte sul fronte tedesco si annuncia un secondo caso di un insider nel Ministero della difesa che lavorara per gli Americani.

 

 

A livello tecnologico e di protezione dei dati e della privacy la Germania sta dando vita a una serie di provvedimenti particolari in alcuni casi piu’ restrittivi sui dati rispetto alle stesse leggi e normative dell’Unione europea. A questo punto – fanno notare gli esperti di spionaggio – e’ possibile che la Germania possa passare per gli Stati Uniti tra quella categoria di nazioni ( come anche la Francia) che sono alleate ,ma presentano un ambiente difficile per le attivita’della CIA. D’altra parte la stessa Cancelliera Merkel ha buttato acqua sul fuoco dichiarando che le rispettive nazioni avrebbero di meglio da fare che sprecare energie di spionaggio reciprocamente .

A questi segnali distensivi hanno risposto altri dello stesso tenore da parte degli Usa.

Edward-Snowden
Edward-Snowden 

Quando ormai un anno fa le rivelazioni di Snowden erano venute alla luce la Germania aveva chiesto agli Usa un accordo di non spionaggio simile a quello che il governo americano ha con le nazioni di lingua inglese , dal Canada, al Regno unito , all’Australia. Ma non se ne era fatto nulla. E’ chiaro che le attivita’ di cyber spionaggio in tutto il mondo si stanno intensificando. A questo ha reagito la Germania con una strada propria alle protezione dei dati fino alla richiesta ufficiale di procedere alla creazione di un ramo solo tedesco di Internet che sia in grado di tenere i servizi di email e di ricerca su web tedeschi al riparo dal viaggio delle informazioni su reti e cavi di proprieta’ americana.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore