Forcepoint NGFW si estende anche al cloud

FirewallSicurezza

Forcepoint NGFW 6.1 prevede la gestione unificata dei firewall fisici e di quelli virtuali che si possono attivare su AWS

Forcepoint ha annunciato una nuova versione del suo Next Generation Firewall – Stonesoft NGFW 6.1 – la cui peculiarità principale è l’estensione anche agli ambienti cloud della protezione via firewall. In questo modo, sottolinea la società, è possibile “implementare nuovi nodi NGFW/IPS coerenti con le policy in uso senza ulteriori complessità, abbattendo gli oneri amministrativi in ​​materia di sicurezza di rete e personale operativo”, come ha spiegato il VP Network Security, Antti Reijonen.

Tra le nuove funzioni di NGFW 6.1 c’è anche l’integrazione di ThreatSeeker Intelligence Cloud per mantenere ottimizzate le capacità difensive anche contro le minacce zero-day grazie alla threat intelligence. Questo permette di rispondere rapidamente alle minacce e agli incidenti, sia su reti tradizionali che nel cloud.

Emiliano Massa, Senior director sales Southern Europe di Forcepoint
Emiliano Massa, Senior director sales Southern Europe di Forcepoint

L’apertura al cloud di Stonesoft NGFW 6.1 permette di attivare firewall virtuali su Amazon Web Services (AWS) e di gestirli centralmente insieme alle appliance fisiche. Questa nuova funzione semplifica la gestione trasversale dei firewall indipendentemente dalle dimensioni dell’azienda utente, che può controllare allo stesso modo i firewall locali, delle sedi distaccate e nel cloud.

Altra novità: Stonesoft NGFW 6.1 prevede anche l’utilizzo del modulo di sicurezza Forcepoint Sidewinder. Si tratta di una tecnologia proxy per UDP, TCP, HTTP e SSH che mira a fornire un ulteriore livello di sicurezza e che viene proposta agli utenti come upgrade per acquisire maggiori funzionalità sempre nell’ambito di una singola console di gestione.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore