Contenitori intelligenti da Rittal

Sicurezza

Con RimatriX5 protezione a 360 gradi per i data center

“Noi valutiamo, sulla base anche di informazioni di analisti indipendenti, che il 70% delle interruzioni di servizio nelle infrastrutture It sia da attribuire alla inadeguatezza della componente fisica. In particolare, come sostiene anche Ibm, il 30% delle rotture hardware è dovuto a surriscaldamento degli apparati a causa di una climatizzazione non corretta “. Questo è il preambolo che è servito a Marco Villa, direttore generale di Rittal, per presentare Rimatrix5, non più solo un contenitore di metallo, ma un integratore “intelligente”. “Con questo prodotto, puntualizza Alessio Nava, responsabile Divisione It, forniamo una griglia di protezione a 360 gradi per i centri di elaborazione grazie a una integrazione estesa a cinque aspetti strategici: rack, power con Ups modulari a doppia conservazione, cooling attivo e passivo, security tra cui sistemi di autospegnimento incendi, monitoring and remote management”. Rittal è una società del Friedhelm Loh Group con sede ad Haiger in Germania formato da una pluralità di aziende sinergiche di cui Rittal è la più importante. La società fattura 1,6 miliardi di euro, possiede 13 unità, di cui una in Italia specializzata in sistemi di condizionamento per quadri elettrici, è presente direttamente in 60 Paesi. La struttura commerciale italiana, ossia senza tenere conto dell’attività industriale di cui riferisce direttamente alla Germania, ha realizzato nel 2005 un fatturato di circa 43 milioni di euro. L’automazione industriale rappresenta l’attività core della Rittal ma in questi ultimi anni è andato crescendo il peso di telecomunicazioni e informatica. “Abbiamo stretto partnership, sottolinea Nava, con Hp, Ibm, tutti i loro server si avvalgono di nostri sistemi di contenimento, Dell e soprattutto Siemens Mobile, cui forniamo l’involucro delle radio base station. Per la sicurezza dei dati ci riteniamo un partner consolidato. Non forniamo più solo hardware ma una serie di servizi, incluso lo studio di piani di disaster recovery e business continuità anche per Pmi”. La necessità di avere il controllo remoto e gestire i sistemi di supporto dell’infrastruttura del data centre o del rack, permette non solo all’It manager una maggior consapevolezza e “tranquillità”, ma anche un risparmio di costi nelle operazioni day-by-day liberando tempo per attività più strategiche. Il modulo “Monitoring and Remote Management” di RimatriX5, abbinato ad un software tool di management remoto, è quanto di più efficiente si possa richiedere oggi sul mercato: infrastruttura, sensoristica e software di gestione in un’unica soluzione pronta all’immediato utilizzo e da un unico qualificato partner. È possibile impostare dei valori soglia tali per cui quando superati, il dispositivo trasmette un Sms o una e-mail all’incaricato: la manutenzione programmata diventa più efficiente e permette un notevole risparmio di tempo e costi. Tra i clienti figurano l’Ospedale di Verona, Netscalibur e Zucchetti, di cui Rittal è partner strategico. Zucchetti è l’unica software house in Italia ad avere una server farm di proprietà che garantisce ai suoi clienti elevati standard di sicurezza informatica, logica, applicativa e fisica, offrendo sicurezza e accesso rapido a tutte le informazioni e/o applicazioni, anche per i clienti che utilizzano gli applicativi in modalità Asp (Application Service Provider).

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore