Barracuda Web Application Firewall sbarca su Microsoft Azure

Sicurezza

La nuova versione 7.9 del Barracuda Web Application Firewall entra a far parte del programma di certificazione di Microsoft Azure e migliora l’automazione e l’approvvigionamento sul cloud pubblico

Barracuda Networks annuncia una nuova versione di Web Application Firewall. La versione 7.9 estende il supporto a Microsoft Azure con approvvigionamento e configurazione automatizzati, che permettono agli utenti di trarre vantaggio dalla natura dinamica e flessibile del cloud. Il Barracuda Web Application Firewall Vx è disponibile nella “Azure Gallery” come parte del nuovo programma di certificazione Microsoft Azure.

bararcuda-wafw

La migrazione delle applicazioni o dei carichi di lavoro sul cloud presenta nuove opportunità e sfide. Ma in questo contesto è fondamentale la sicurezza. Il Barracuda Web Application Firewall è la prima soluzione di sicurezza integrata, completamente scalabile disponibile su Microsoft Azure. Con i modelli di protezione predefiniti per le applicazioni web e le app pacchettizzate di terze parti come Microsoft SharePoint, le aziende possono godere di una protezione totale senza dover imparare a configurare e gestire tecnologie complesse. Inoltre, la soluzione è completamente integrata con Microsoft Azure e può scalare in modo dinamico per rispondere agli standard del carico di lavoro e ottimizzare le prestazioni delle applicazioni.

Come Partner certificato di Microsoft Azure Barracuda considera la piattaforma un’opportunità eccezionale per offrire sicurezza e valore ai clienti enterprise . La versione 7.9 inoltre permette ai clienti di utilizzare con maggior efficacia strumenti come Systems Center e Powershell. Oltre a migliorare il supporto sul cloud pubblico, Barracuda Web Application Firewall 7.9 include un sistema di reportistica più efficace, una maggior sicurezza delle applicazioni e una nuova infrastruttura per i modelli.
Quanto alla reportistica , sono disponibili oltre 40 report pronti all’uso che includono la distribuzione geografica e permettono agli amministratori di filtrare i rapporti attraverso criteri di sicurezza, traffico, durata, servizi . Quanto al controllo degli accessi gli utilizzatori possono autenticarsi attraverso molteplici domini e con metodi di autenticazione doppia invece che con sistemi LDAP e RSA SecurID / Radius con OTP

Infine, Barracuda ha recentemente annunciato la portabilità della licenza virtuale che offre ai clienti maggior protezione degli investimenti e flessibilità delle installazioni. La portabilità della licenza virtuale permette di trasferire le soluzioni dal cloud pubblico a quello privato o viceversa senza costi addizionali. Questo semplifica la migrazione su cloud delle organizzazioni consentendo l’implementazione del cloud ibrido in ambienti privati e pubblici.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore