Arbor, spinta sulla sicurezza in cloud

Sicurezza
Marco Gioanola, consulting engineer di Arbor Networks

Per aziende enterprise e service provider la sicurezza rimane un punto focale. Marco Gioanola, consulting engineer di Arbor Networks, punta sulla messa in sicurezza con servizi dedicati, consapevole che ancora oggi il 40% delle aziende non ha un piano di risposta agli attacchi

La conferma che le dimensione e la frequenza degli attacchi DDos è in aumento di ben tre volte rispetto all’anno passato e l’incremento della sensibilità degli utenti su questa tematica con un trend positivo di adozione della tecnologia, motiva Marco Gioanola, consulting engineer di Arbor Networks a spingere perché si acceleri anche in Italia la proposta di servizi ad hoc per i service provider “perché l’Italia fa registrare un ritardo rispetto ai mercati più avanzati in termini di adozione di misure di sicurezza e nella proposta di servizi di sicurezza alle aziende”. Anche al livello globale oltre i tre quarti delle aziende hanno subìto un incidente negli ultimi due anni, per la maggior parte delle volte dovuti a errori accidentali (28,6%) o perdita dei dati causata dai dipendenti (26,7%). Rimane così fondamentale la prevenzione attraverso controlli e verifiche di routine (45,8%).Arbor_infografica2 (1)

Marco Gioanola, consulting engineer di Arbor Networks
Marco Gioanola, consulting engineer di Arbor Networks

Sono dati che Arbor Networks, interessata in primis alle reti enterprise e ai service provider, diffonde grazie a una ricerca sui comportamenti delle aziende condotta insieme con l’Economist Intelligent Unit (Cyber Incident response: are business leaders ready?) dalla quale si evince che il livello di preparazione sulle tematche di sicurezza è rallentato dalla mancanza di comprensione delle minacce, e che solo il 17% dei business leader (su un campione di 360 manager) si sente totalmente preparato ad affrontare un incidente  che riguarda la sicurezza della propria rete, mentre la metà delle aziende ritiene di essere incapace di prevedere l’impatto sul business di una eventuale violazione della sicurezza. Dati non incoraggianti.

Per questo Arbor sta lavorando per aiutare in modo diverso le aziende e i service provider a mettere insieme proposte di servizi mirate, sia a portafoglio sia attraverso partnership di integrazione con terzi. “Oggi l’offerta di hosting in datacenter in Italia, rispetto ad altri paesi, è in ritardo per cui ci sono margini interessanti sui quali intervenire con servizi dedicati, essendo la sicurezza indispensabile per portare in cloud anche  clienti più piccoli, non solo la grande azienda” argomenta Gioanola. In Europa, il 24,8% delle aziende ha registrato un incremento del numero di incidenti sulla sicurezza rispetto all’anno precedente ma non tutte sono pronte ad affrontarli: il 40% delle aziende non ha un piano di risposta agli incidenti.

“In Europa il 48% delle aziende – spiega Gioanola – ha ricevuto segnalazioni di un incidente negli ultimi mesi grazie alle verifiche e ai controlli di routine e il 45% grazie alle segnalazioni dei propri dipendenti. Ma solo il 60% delle aziende ha un piano di risposta”.

Per innalzare le competenze su questa tematica, Arbor Networks continua a formare il proprio canale (100% fatturato via terze parti) qualificandolo con un partner program che prevede certificazioni su competenze tecniche e commerciali. “Il nostro canale deve essere in grado, grazie agli apparti che ha installato in casa, di fare supporto ai clienti. Noi crediamo che serva visibilità sulla rete in ogni momento, in ogni punto, perché non possiamo proteggere ciò che non vediamo. I partner devono essere competenti anche per questa ragione”.Arbor_Infografica3

Il data center sarà uno degli ambiti importanti in cui Arbor punterà nel 2014 per invogliare sempre più il passaggio al cloud di industry strategiche tra cui  banche e assicurazioni, che guardano ai servizi in cloud protetti e sicuri. Nel 2013 Gioanola conferma una crescita del fatturato in Italia del 20%, mantenendo lo stesso obiettivo anche per il 2014.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore