8 aprile: fine del supporto , ma non di Windows XP

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Microsoft conferma per il prossimo 8 aprile la fine del supporto di Windows XP. E attenzione anche a Office 2003

Mentre le statistiche di mercato confermano un buona presenza ancora del sistema operativo desktop Windows XP e mentre proseguono le azioni di marketing da parte dei vendor di PC ( HP e Dell , ad esempio ) e di sistemi di virtualizzazione ( VMware, ad esempio) per una migrazione,arriva la notizia che “ per aiutare le organizzazioni che stanno effettuando la migrazione, Microsoft si impegna a rendere disponibili per Windows XP fino al 14 luglio 2015 le signature antimalware dei suoi sistemi antivirus per prodotti enterprise quali System Center Endpoint Protection, Forefront Client Security, Forefront Endpoint Protection e Windows Intune running e per prodotti consumer come Microsoft Security Essentials”.

In una nota appena emessa Micrsoft ci tiene tuttavia a sottolineare chel’utilizzo di un antivirus aggiornato su un sistema operativo non supportato non rappresenta una soluzione sicura”.

Dopo l’8 aprile di quest’anno , il supporto tecnico per Windows XP non sarà più disponibile e non verranno più rilasciati nuovi aggiornamenti automatici per la sicurezza che aiutano gli utenti business e consumer a proteggere il proprio PC da virus, spyware e altri malware che possono creare problemi al funzionamento corretto del device o carpire informazioni personali. Sarà possibile continuare ad utilizzare Windows XP una volta terminato il supporto, tuttavia il dispositivo diventerà più vulnerabile ai rischi per la sicurezza e ai virus, soprattutto se collegato alla Rete.

Microsoft – mentre segnala che su www.digitalipercrescere.it è disponibile una raccolta di risorse per una prima consultazione – consiglia di effettuare la migrazione verso sistemi operativi di nuova generazione prima della fine del supporto. Tutta la rete di partner sta affiancando le aziende italiane.

Read also :