Finale a sorpresa all’Oracle OpenWorld: arrivano Cloud e Social Network

ProgettiSoftware vendor

ORACLE OPENWORLD 2011 – Larry Ellison, ceo di Oracle, nel keynote conclusivo dell’Oracle OpenWorld lancia Oracle Public Cloud e Oracle Social Network e si trasforma sul palco

Sembra trasformato dal primo keynote fatto domenica qui a San Francisco, in apertura dell’evento annuale (e mondiale) piu importante per Oracle. Larry Ellison, ceo di Oracle, ha infatti  da poco chiuso l’Oracle OpenWorld 2011 con un colpo maestro, annunciando con grinta due soluzioni software che buttano Oracle nell’arena del Cloud e del Social Networking.
Sara’ che la polemica di questi giorni con Benioff, ceo di Salesforce.com il cui keynote era stato annullato per visioni contrastanti, ha galvanizzato Ellison, sara’ che tornare a parlare di software porta alla luce il Dna che contraddistingue Ellison da sempre. Ha aperto con un annuncio hardware forte – Exalytics Business Intelligence Machine – chiude con due novita’ software altrettanto forti – Oracle Public Cloud e Oracle Social Network – inaspettate ma nello stesso tempo desiderate fortemente dai clienti, che ne cambiano la prospettiva.

Oracle Public Cloud si basa su standard industriali, precisa Ellison. “Dobbiamo fare attenzione a distinguere i cloud veri basati su standard industriali dai falsi cloud, basati su software proprietari. Il nostro cloud si basa su standard quali Java, Xml, web services, mentre il cloud di Salesforce.com che usa Apex e Wmforce no, con applicazioni e piattaforma proprietarie“. 
Nell’impostazione di Oracle Public Cloud la piattaforma e le applicazioni sono servizi, contemplando da una parte Database Service, Java Service, Data Service e Security Service, dall’altra la suite di applicazioni Fusion (Crm, Hcm, Talent e Financials). Incalza Ellison: “Il Database Service e’ basato su standard industriali e puo’ girare su qualsiasi database Oracle in the coud, cosi’ come Java Service puo’ gestire su qualsiasi applicazione Java in the cloud. Le Oracle Fusion Applications costruite su standard possono girare ovunque, su qualsiasi cloud, di Oracle o di altri, e on premises. E’ la prima Fusion Suite completa e integrata che va sul cloud. Le Applications di Salesforce.com invece possono girare solo su Salesforce.com “.

Oracle Public Cloud garantisce produttivita’ immediata e puo’ essere offerto con diverse modalita’ di sottoscrizione, anche su base mensile. “Questa elasticita’ significa la possibilita’ di  offrire capacita’ on demand ai clienti” precisa Ellison. Anche la sicurezza e’ integrata ed e’ costruita non sulle applicazioni ma direttamente nel middleware, nel database e nel sistema operativo. “Tutto e’ virtualizzato, non c’e’ multi-tenancy” precisa. Se da una parte il “vero cloud” per Ellison prevede standard di base, virtualizzazione, capacita’ “elastiche” per rispondere on demand, i falsi cloud si basano su piattaforme proprietarie, sono multi-tenancy, e hanno capacita’ limitate.

Ma veniamo all’annuncio piu’ atipico per Oracle: Oracle Social Network, uno strumento di collaboration costruito con le Fusion Application, dall’interfaccia intuitiva (“non come quella di Sap” mostra in una slide Ellison) che beneficia anche del fatto che tutte le Fusion Applications girano su dispositivi mobili. “E’ uno strumento che permette alle persone di creare team, con i partner, con i clienti, con le forze vendita” dimostra Ellison in una demo finale, piu’ social che tecnica, che sancisce la rivincita di Ellison su chi in rete lo aveva additato in questi giorni di essere stato troppo tecnologico e poco visionario. Invece, la strategia di Ellison e’ chiara e senza dubbio vanta validi alleati.  Non a caso Michael Dell, Joe TucciJohn Chambers, suoi ospiti sul palco in questa cinque giorni, hanno dimostrato di volere continuare nell’alleanza.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore