Intesa tra Huawei e Oracle per portare l’Iot nel settore energia

ProgettiSoftware vendor
Huawei, Oracle, Iot

Huawei e Oracle hanno siglato il protocollo d’intesa “Power IoT Ecosystem Partnership” per la gestione energetica efficiente

Tecnologie di Huawei incontrano la ricerca e sviluppo di Oracle e insieme realizzeranno una soluzione end-to-end efficace per le AMI (Advanced metering infrastructure) per supportare le compagnie elettriche e le società energetiche che desiderano migliorare l’esperienza degli utenti e ridurre le emissioni al fine del risparmio energetico. Le due società hanno sottoscritto un protocollo d’intesa “Power IoT Ecosystem Partnership” centrato su attività marketing e sulle vendite delle soluzioni AMI di Huawei con Oracle Utilities Data Meter Management (MDM), Oracle Utilities Smart Grid Gateway (SGG) e le relative Oracle Utilities.

E’ chiaro a tutti i vendor che l’IoT richiede investimenti significativi a livello infrastrutturale (networking), verso una rete in grado di gestire dati e connessioni in tempo reale, la rete che resta il nodo infrastrutturale fondamentale per la connessione di oltre 50 mila  oggetti attesi entro il 2020.

Huawei, Oracle, Iot
Huawei e Oracle siglano il MoU “Power IoT Ecosystem Partnership”

Huawei e Oracle hanno completato i test di integrazione per la Huawei AMI Solution Head End con Oracle Utilities MDM e Oracle Utilities SGG e sono pronti a partire, forti del fatto che la stessa Huawei è anche membro platinum dell’Oracle Partner Network con un pacchetto di servizi, tra cui la soluzione AMI che è in grado di gestire contatori e reti utilizzando sistemi Oracle MDM, SGG e le Oracle Utilities Customer Care e Billing (CC&B) per supportare i sistemi MDA dei clienti. Sebbene già nel 2015 si erano evidenziati segnali di inversione di tendenza con un aumento dell’1%, il mercato digitale, nel suo complesso, aveva avuto una spinta da quasi tutti i comparti, tranne per i servizi di rete delle telecomunicazioni che avevano segnato un  – 2,4%, mentre una spinta positiva è arrivata dai servizi Ict, +1,5%, software e soluzioni Ict +4,7%, dispositivi e sistemi, +0,6%, contenuti digitali e digital advertising a +8,6%. iotCome ha evidenziato qualche tempo fa Giancarlo Capitani di NetConsulting Cube durante la presentazione dello studio “Il digitale in Italia nel 2016”, realizzato da Assinform, Confindustria Digitale e in collaborazione con NetConsulting cube e il Politecnico di Milano,  i segnali positivi arrivano dalla qualità della domanda che ha generato una spinta sulle componenti più innovative legate alla trasformazione digitale.

Nel 2016 stanno registrando delle crescite sostenute: Iot +14,9%, Cloud +23,2%, Big Data +24,7%, piattaforme per il web +13,3%; mobile business +12,3%, sicurezza +4,4% e almeno sino al 2018.

Le due società, in sostanza, stanno lavorando assieme per implementare sistemi di misurazione intelligente, controllo remoto, analisi  della qualità e dei furti di energia elettrica. Sulla base del successo dei test di integrazione, Huawei e Oracle hanno deciso di continuare la cooperazione per rafforzare la produzione di energia globale e sfruttare la conoscenza sullo sviluppo delle utilities. “Huawei è molto lieta di cooperare con Oracle in ambito Smart Grid. Abbiamo in programma progetti importanti e intendiamo aumentare gli investimenti strategici per sostenere un’intensa collaborazione volta al raggiungimento di un obiettivo comune”, ha detto Cong Peijin, Managing Director di Huawei Energy Solution; mentre Stuart Shaw, Oracle Greater China Regional Senior Director Sales, ha dichiarato che “Oracle è entusiasta di lavorare con Huawei per applicare la soluzione Huawei AMI nei settori di riferimento e siamo certi che la nostra collaborazione sarà vincente”.

Whitepaper: Vuoi restare aggiornato sul tema affrontato o sulla società di cui si parla? Scarica il nostro whitepaper: VIDEO: Oracle All Flash FS

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore