I cellulari andranno a pipì?

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Scienziati inglesi ricaricano un cellulare con una cella a combustibile biologica

Gli scienziati inglesi hanno trovato una nuova e potenzialmente inesauribile fonte di energia per i cellulari. Hanno ricaricato un cellulare Samsung utilizzando una sorgente di energia che si trova in tutte le case ed è praticamente inesauribile , la pipì. Ioannis Ieropoulos, dei Bristol Robotics Laboratory, ha sviluppato una cella a combustibile microbiologica non molto più grande di una batteria per auto. Il laboratorio lavora in collaborazione con alcune università inglesi e la Gates Foundation. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sul Journal of Physical Chemistry Chemical Physics.

L’idea è di utilizzare per genare energia elettrica i medesimi batteri che si trovano comunemente nei centri di trattamento delle acque per decomporre l’urina. Il metabolismo dei microorganismi diventa elettricità attraverso la conversione eseguita dalla cella a combustibile.

Tuttavia prima di pensare che buttare il cellulare nella toilette sia un buona idea , una cautela. La quantità di energia generata da questo processo è ancora piccola . Basta per caricare velocemente un cellulare e la cella a combustibile è ancora troppo grossa. D’altra parte i ricercatori dichiarano che la pipì è un fonte di energia più stabile e sicura dell’energia solare o del vento. L’obiettivo è di alimentare i bagni del futuro : docce, illuminazione e apparecchi elettrici.

Read also :