Gefran: la rivoluzione 4.0 nei processi industriali

EnterpriseProgetti

Durante l’ottava edizione di SPS ipc Drives in corso a Parma, Gefran, multinazionale specializzata in componenti per automazione ha presentato la nuova business unit Drives & Motion Control e il nuovo responsabile

Gefran è una multinazionale italiana specializzata nella progettazione e produzione di sistemi e componenti per l’automazione e il controllo dei processi industriali. Presente all’SPS Ipc Drives in corso a Parma in questi giorni, ha presentato novità come la gamma di sensori, automazione e azionamenti specifici per l’ambito Industria 4.0. Inoltre, durante la manifestazione organizzata da Messe Frankfurt, è stato presentato il nuovo direttore generale della business unit Drives & Motion Control, Christian Pampallona.

Christian Pampallona

Gefran interpreta la rivoluzione del 4.0 con una serie di prodotti dedicati: tra le novità presenti in fiera, il selettore e configuratore prodotti: una applicazione multipiattaforma, integrata nel sito web di Gefran, che permette di individuare, in pochi passaggi, il codice di ordinazione di sensori, regolatori e controllori di potenza.
Prodotti connessi tra loro e al cloud per monitorare gli indici di produttività e pianificare le azioni di manutenzione, realizzati con materiali e processi eco-friendly e conformi alle più recenti normative di sicurezza.

Gefran 4.0

Pampallona, che vanta un’esperienza pluriennale nel mondo dell’automazione industriale, guiderà le attività dello stabilimento di Gerenzano (Varese), in cui sono progettati e prodotti gli azionamenti elettrici per il controllo di velocità dei motori in corrente alternata, corrente continua e brushless, utilizzati nei sistemi di automazione industriale e in alcuni settori dell’automazione civile.

Gefran è impegnata in un ambizioso piano triennale d’investimenti in capitale tecnico e, soprattutto, capitale umano, lanciato per affrontare le sfide della crescita globale”, ha dichiarato Alberto Bartoli, amministratore delegato di Gefran. “Pampallona porta in dote un importante patrimonio di competenze ed esperienza, costruito in un grande gruppo multinazionale, che darà certamente impulso alla crescita nel segmento degli azionamenti”.

A metà maggio 2018, il consiglio di amministrazione ha diramato i risultati al 31 marzo 2018. I ricavi sono stati pari a 34,717 milioni di euro e si confrontano con ricavi pari a 32,278 milioni di euro dello stesso periodo del 2017, registrando una crescita di 2,439 milioni di euro (+7,6%), principalmente grazie ai risultati positivi registrati sui mercati italiano ed asiatico, trainati dalle performance del mercato della plastica. La suddivisione per area geografica vede una crescita a doppia cifra rispetto al primo trimestre 2017, in Italia (+19,7%), in Asia (+12,7%); si riscontra invece una contrazione nel mercato americano, in particolare in Sud America (-17,6%), penalizzato dall’andamento dei cambi. L’Europa non UE in calo (-19,1%), compensata dall’aumento del fatturato nell’area UE (+3,8%).

Gefran Zapper 850-1650-1850

La ripartizione dei ricavi per area di business mostra una crescita che ha interessato tutti i business: +9,6% per i sensori, +8,1% per i componenti per l’automazione e +6,9% per gli azionamenti. Il margine operativo lordo (Ebitda) del primo trimestre ammonta a 5,777 milioni di euro (4,296 milioni euro nel primo trimestre 2017) e raggiunge il 16,6% dei ricavi (13,3% al 31 marzo 2017), in aumento quindi di 1,481 milioni di Euro per l’effetto congiunto della crescita dei ricavi e del valore aggiunto.

Il risultato operativo (Ebit) del primo trimestre 2018 è positivo e pari a 4,251 milioni di euro, con un’incidenza del 12,2% sul fatturato e si confronta con un Ebit di 2,801 milioni di euro del pari periodo 2017. Il risultato da attività disponibili per la vendita del primo trimestre 2018 è negativo e pari a 414 mila euro; attiene all’adeguamento dell’ammontare delle attività disponibili per la vendita relative al know-how del business fotovoltaico al presunto valore di realizzo. Il dato si confronta con un risultato nullo del pari periodo 2017.

Il risultato netto del Gruppo del primo trimestre 2018 è positivo e pari a 2,196 milioni di euro e si confronta con un risultato positivo di 1,808 milioni di euro del pari periodo 2017. Il capitale d’esercizio al 31 marzo 2018 risulta pari a 22,585 milioni di euro e si confronta con 21,067 milioni di euro al 31 dicembre 2017, evidenziando un incremento complessivo di 1,518 milioni di euro.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore