Accenture: il content management si fa sempre più strategico

Business intelligenceCioData storageProgetti

Comunicare attraverso contenuti digitali è essenziale per realizzare le strategie commerciali di un’impresa, proprio per questo il content management non può essere solo una questione tra marketing e IT

Le aziende devono gestire sempre più contenuti digitali per portare avanti le proprie strategie di marketing e di coinvolgimento dei clienti: in questo il ruolo dell’IT nel content management aziendale diventa strategico perché oggi più di prima qualsiasi tipo di comunicazione è intrinsecamente “tecnologica”. Questa è una delle conclusioni di uno studio che Accenture ha portato avanti intervistando un migliaio di responsabili aziendali collegati al marketing e alle comunicazioni. Le aziende coinvolte sono state di 17 nazioni fra cui anche l’Italia.

Il primo problema da affrontare per chi si occupa di contenuti è il sovraccarico. È un fenomeno globale e indipendente dal settore in cui si opera: Accenture ricorda che il volume complessivo dei contenuti digitali raddoppia ogni due anni e che nel 2020 si prevede arrivi a qualcosa come 44 miliardi di terabyte. Di fronte a questa mole di contenuti l’attenzione di chi deve “consumarli” è ormai minima, il che richiede di impostarli in maniera da renderli chiari e sintetici.

content managementAll’interno delle aziende questo si traduce in tante diverse crescite. Il 17 percento del campione sondato nella ricerca ha dichiarato che sta producendo “volumi enormi di contenuti”, il 92 percento che ne sta producendo più oggi di due anni fa, il 90 percento che il volume crescerà ancora nei prossimi due anni. Crescono anche gli investimenti (il 73 percento del campione spende oltre 50 milioni di dollari l’anno in content management) ma non la convinzione di far bene: solo il 45 percento indica di essere certo che i suoi investimenti siano in linea con gli obiettivi.

La sensazione delle aziende è chiaramente quella di non riuscire a gestire bene i propri contenuti, perché sono troppi e perché non si riescono a sfruttare adeguatamente. Parte delle principali difficoltà percepite sono legate ad aspetti tecnici: mancanza di competenze, tecnologie non adeguate, soprattutto una mancanza di integrazione fra i sistemi delle varie business unit. Altri problemi sono più di metodo: processi non fluidi, obiettivi poco chiari, valutazioni non ottimali dell’efficacia nell’uso dei contenuti.

accentureCi sono soluzioni chiare al problema della gestione dei contenuti digitali? A giudicare dalle risposte del campione intervistato da Accenture pare di no. A parte una generica migliore integrazione di tecnologie e processi e una altrettanto generica ricerca di tecnologie migliori, entrambe segnalate dal 10 percento del campione, le altre strade possibili per un content management efficace hanno pesi equivalenti (6-8 percento di citazioni).

Quello che è chiaro è che il tema della gestione dei contenuti non è solo del marketing o dell’IT o di entrambi messi insieme: riguarda l’azienda nel suo complesso, tanto che il 35 percento del campione assegna direttamente al CEO il ruolo di definire la strategia aziendale legata ai contenuti.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore