Press release

Uno studio condotto dal Project Management Institute identifica sei tecnologie IA che hanno ripercussioni sui responsabili di progetto

0
A cura di Businesswire

Il Project Management Institute (PMI) oggi ha pubblicato i risultati
della ricerca 2019 Pulse of the Profession® In-Depth Report: AI
Innovators: Cracking the Code on Project Performance
. Questo studio
illustra come l’intelligenza artificiale (IA) stia influendo sulle
aziende e sulla professione di responsabile di progetto. I risultati
rivelano che nel settore dell’IA sono in corso cambiamenti dirompenti e
su grande scala: l’81% dei partecipanti al sondaggio ha affermato che la
loro azienda subisce l’impatto delle tecnologie IA e il 37%, che
l’adozione di queste tecnologie ha una priorità elevata per la loro
azienda; infine, i responsabili di progetto si aspettano che la
percentuale dei progetti che gestiscono utilizzando l’IA aumenterà dal
23% al 37% nei prossimi tre anni.

Queste preziose informazioni raccolte con un sondaggio svolto tra 551
responsabili di progetto nei cinque continenti mostrano che la presenza
delle tecnologie IA continuerà a crescere, richiedendo modifiche nelle
modalità di gestione dei progetti e di attuazione della strategia da
parte delle aziende. Lo studio identifica sei tecnologie IA che stanno
influendo sulle aziende di tutto il mondo e le tre che attualmente hanno
ripercussioni sul numero maggiore di aziende sono:

  • Sistemi basati sulla conoscenza: comprende il contesto dei dati
    elaborati e contribuisce al supporto all’apprendimento “non
    automatico” e al processo decisionale.
  • Apprendimento automatico: analizza i dati per costruire modelli
    rilevando schemi; ne consegue un processo decisionale migliore con
    intervento minimo da parte delle persone.
  • Gestione delle decisioni: crea un processo o un set di processi
    intelligenti basati su regole e logica per automatizzare il processo
    decisionale.

I responsabili di progetto si aspettano che nei prossimi tre anni
l’impatto di queste tecnologie IA crescerà.

  • Sistemi esperti: emula e imita l’intelligenza, le capacità o il
    comportamento delle persone in un campo, argomento o competenza
    particolari.
  • Apprendimento profondo: costruisce, addestra e verifica reti
    neurali che prevedono i risultati e/o classificano dati non
    strutturati basati su probabilità.
  • Automazione di processi robotica: imita e automatizza le
    attività umane a supporto dei processi aziendali.

In un recente studio Pulse of the Profession® , il PMI ha
invitato le aziende a rafforzare il loro Project
Management Technology Quotient (PMTQ)
, che è un modo per valutare la
capacità di un’azienda di gestire e integrare tecnologie in base alle
esigenze dell’azienda stessa relative al progetto in corso. Poiché le
aziende adottano in misura sempre maggiore le tecnologie IA, disporre di
un PMTQ notevole sarà essenziale.

“L’indicazione più importante di questo studio è che è ormai il momento
di iniziare a riflettere su come le aziende possono mettere a frutto le
tecnologie IA ai fini della riuscita dei processi”, spiega Michael
DePrisco, vicepresidente soluzioni globali presso il PMI. “Poiché ricade
soprattutto sui responsabili di progetto il compito di assistere
nell’attuare i cambiamenti, questi professionisti svolgeranno un ruolo
cruciale nell’influire sull’adozione di queste tecnologie nelle loro
aziende. Sulla base della ricerca svolta dal PMI, sappiamo che le
aziende con un Project
Management Technology Quotient (PMTQ)
elevato comprendono che
acquisire il valore dell’IA richiederà non solo introdurre la
tecnologia, ma anche una nuova forma mentis, una cultura all’insegna
dell’apprendimento e supporto dai massimi livelli dirigenziali per
stabilire un’infrastruttura organizzativa che conduca al successo.”

Infatti, una ricerca svolta da Accenture mostra che la maggior parte
delle aziende visionarie applica cinque principi chiave ai loro
investimenti nell’IA. Indicati con la sigla MELDS, questi principi
richiedono alle aziende di:

  • incoraggiare la giusta forma mentis – Mindset
  • promuovere le sperimentazioni – Experimentation
  • sostenere una leadership caratterizzata da una partecipazione attiva – Leadership
  • incorporare i dati nella strategia – Data
  • coltivare nuove capacità – Skills

Le aziende che si ispirano a questi cinque principi vengono dette
“aziende innovatrici nel campo dell’IA” ed è più probabile che
stabiliscano un’infrastruttura organizzativa che conduca alla riuscita
dei processi di quanto non lo sia per le aziende che non abbracciano
nessuno dei principi (“aziende lente nel campo dell’IA”). Secondo i dati Pulse®,
esiste un distinto guadagno per le aziende all’avanguardia grazie
all’IA. Quelle innovatrici surclassano quelle lente per quanto riguarda
numerosi parametri essenziali dei progetti:

  • Puntualità superiore nella realizzazione: le aziende
    innovatrici nel campo dell’IA riferiscono di avere realizzato il 61%
    dei loro progetti entro la scadenza prevista, rispetto al 47% per le
    aziende lente nel campo dell’IA.
  • Conseguimento superiore dei vantaggi: le aziende innovatrici
    nel campo dell’IA riferiscono che il 69% dei loro progetti ha ottenuto
    il 95% o più dei vantaggi desiderati, rispetto al 53% dei progetti per
    le aziende lente nel campo dell’IA.
  • ROI superiore: le aziende innovatrici nel campo dell’IA
    riferiscono che il 64% dei loro progetti ha soddisfatto o superato le
    stime ROI originali, rispetto al 52% dei progetti per le aziende lente
    nel campo dell’IA.

La piena attuazione delle tecnologie IA richiede alle aziende di
riorientare le loro proprietà. È importante non solo considerare il PMTQ
una misura del livello di preparazione, ma anche valutare quanto
un’azienda segua i principi MELDS. Questo conterà particolarmente mentre
nei prossimi anni un numero crescente di tecnologie IA sarà integrato
nelle operazioni.

Per maggiori informazioni sullo studio 2019 Pulse of the Profession®
In-Depth Report: AI Innovators: Cracking the Code on Project Performance
visitare www.PMI.org/Pulse.

Informazioni sul sondaggio PMI Pulse of the Profession®

La ricerca Pulse of the Profession® In-Depth è stata svolta ad
aprile/maggio 2019 tra 551 responsabili di progetto in tutto il mondo.

Informazioni sul Project Management Institute (PMI)

Il Project Management Institute (PMI) è la più importante organizzazione
professionale al mondo di quanti considerano la gestione di progetti,
programmi o portafogli la loro professione. Fondato nel 1969, il PMI è
una risorsa preziosa per più di tre milioni di professionisti che
operano in quasi ogni Paese assicurando sostegno globale,
collaborazione, formazione e ricerca. Consentiamo di fare carriera,
migliorare il livello dei successi organizzativi e far crescere
ulteriormente la professione di responsabile di progetto tramite
standard e certificazioni riconosciuti a livello mondiale, comunità,
risorse, strumenti, attività di ricerca, pubblicazioni, corsi di
crescita professionale e opportunità di networking. Nell’ambito della
famiglia PMI, ProjectManagement.com crea comunità globali online che
offrono ulteriori risorse, strumenti migliori, reti di contatti
personali più vaste e prospettive più ampie.

Visitateci a www.PMI.org,
www.projectmanagement.com,
www.facebook.com/PMInstitute
e su Twitter @PMInstitute.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di
partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono
offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo
in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.