WiFi Alliance inizia a certificare i dispositivi di rete wireless 802.11ac

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Innovazione con compatibilità per la WiFi Alliance che inizia a certificare gli apparati 802.11ac

Il protocollo WiFi 802.11ac già entra nei nuovi Mac Book di Apple ma è ancora distante alcuni mesi dalla sua approvazione con ratifica finale . D’altra parte la WiFi Alliance sta iniziando la certificazione dei diversi dispositivi basati sul draft dello standard. La WiFi Alliance lancia il suo programma per la certificazione dello standard ac sia per apparati di rete come router e adapter sia per dispositivi come smartphone e tablet in modo da assicurare che questi nuovi prodotti basati sul 802.11ac siano perfettamente interoperabili con i prodotti WiFi di altri vendor.

wifi ac

Lo IEEE è al lavoro per ratificare lo standard , ma bisognerà aspettare fino agli inizi dello scorso anno per avvenga la ratifica finale. D’altra parte alcuni vendor hanno iniziato a proporre prodotti 802.11 ac. Ad esempio Cisco ha presentato un modulo 802.11ac per la sua serie di access point Aironet 3600, mentre Aruba Networks ha presentato la serie di access point Aruba 200 appositamente costruiti per il nuovo standard.

Attraverso il processo di certificazione, la WiFi Alliance assicurerà non solo che questa vasta miriade di prodotti 802.11 ac siano capaci di interoperare tra loro , ma anche con i prodotti che ormai sono venuti alla luce in precedenza. Questa fase di mercato con la transizione verso il cloud computing e la nascita di applicazioni che richiedono banda ultra larga ( video , mobilità e BYOD) stanno creando ulteriore domanda di maggiore velocità e banda per le reti wireless. Inoltre i carrier e i provider sono alla ricerca di soluzioni per scaricare traffico di rete verso le reti WiFi per cercare di contenere una domanda che sta mandando in tilt le loro reti.

Il noto Visual Networking Index rilasciato da Cisco nello scorso febbraio prevede che il traffico mobile aumenterà di 13 volte entro il 2017 guidato dalla rapida crescita del numero di utenti mobili, di collegamenti internet e di contenuti video.

Anche la WiFi Alliance constata la crescita di utilizzo del WiFi. Il numero di device WiFi nelle case deli americani è raddoppiato in cinque anni e in media ci sono quattro dispositivi collegati a ogni rete WiFi domestica durante i momenti d’uso di maggior frequenza. Lo standard 802.11ac chiamato anche WiFi 5G ( di quinta generazione) apporta significativi miglioramenti all ‘attuale standard 802.11n, triplicandone la velocità. Migliora inoltre la capacità della rete , cioè permette a più device di essere collegati contemporaneamente. E’ in grado di lavorare su due bande , 2,4 GHz e 5GHz. Ci si attende che la stragrande maggioranza dei prodotti certificati sia in grado di lavorare su entrambe le bande oltre ad essere compatibile con i prodotti certificati per lo standard n. Le applicazioni potranno accedere a una o all’altra banda in funzione di una scala di priorità. I primi prodotti certificati WiFi saranno disponibili nella seconda metà dell’anno da vendor come Intel, Broadcom, Qualcomm, Marvel, Realtek.

Read also :