Telecom Italia separerà la rete fissa di accesso in fibra e in rame

NetworkService provider

Proseguono contatti con Cassa Depositi e Prestiti per un eventuale ingresso in azionariato

Telecom Italia , ha deliberato di approvare il progetto di societarizzazione della rete di accesso. Nella nuova società confluiranno attività e risorse relative allo sviluppo e alla gestione della rete di accesso passiva, sia in rame sia in fibra. La newco , a nome Opac, garantirà a tutti gli operatori (Operatori alternativi e Telecom Italia) l’accesso alla rete fissa, applicando il modello di parità di trattamento denominato a livello europeo di “Equivalence of Input” (EoI).

I servizi offerti dalla nuova società a tutti gli operatori comprenderanno, tra l’altro, l’Unbundling del Local Loop (ULL) e il Virtual Unbundling Local Access (VULA) per le reti di nuova generazione basate su architetture FTTC e FTTH.

Telecom Italia informerà l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni del progetto volontario di separazione della rete di accesso.

Come si legge nella stessa nota emessa da Telecom Italia , il Il Consiglio di amministrazione ha altresì ribadito il mandato al management affinchè proseguano i contatti in corso con la Cassa Depositi e Prestiti per un eventuale suo ingresso nel capitale della società della rete di accesso.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore