Seconda generazione per l‘architettura convergente vShape di Fujitsu

Network

vShape di Fujitsu integra sistemi di storage Eternus e server Primergy. Gli switch sono Brocade e l’hypervisor di Microsoft

L’ architettura di riferimento completamente virtualizzata di Fujitsu si chiama vShape. Di essa è disponibile a livello mondiale la seconda generazione che integra il sistema di storage Eternus DX S3, le unità server Primergy RX300 S8, nuovi switch Fibre Channel di Brocade e il software di virtualizzazione Microsoft Hyper-V in alternativa al software VMware. L’ecosistema vShape comprende le nuove funzionalità di backup basate su Eternus CS800 Data Protection Appliance per la deduplicazione , in combinazione con il software Symantec Backup Exec V-Ray.

Il processo di ripristino delle macchine virtuali può essere regolato su vari livelli – per file singoli, oggetti Active Directory, email di Exchange o anche documenti di SharePoint.

Commenta Bernhard Brandwitte, Vice President, Storage Business, Global Product Business, Fujitsu: “ I giorni del ‘fai-da-te’ nelle infrastrutture IT virtualizzate stanno finendo. Con così tanti elementi da gestire nelle infrastrutture convergenti, le PMI hanno oggi bisogno di una soluzione all-in-one affidabile, da parte di un unico fornitore, che offra storage, server e rete ottimizzati per lavorare insieme senza problemi. Avere componenti di qualità rappresenta solo una parte di un’infrastruttura virtualizzata efficace. La qualità della gestione dei servizi svolge un ruolo importante per aumentare l’efficacia delle macchine virtuali”.

Infatti quando il business cresce, gli amministratori IT devono ampliare l’infrastruttura, gestendo e fornendo supporto ai singoli componenti del sistema. L’architettura vShape migliora questo approccio inefficiente, costoso e dispendioso in termini di tempo, integrando lo storage, il server, la rete e il software di virtualizzazione – e ora anche ulteriori software o soluzioni di backup – in un unico pacchetto ottimizzato.

fujitsuvshape

La nuova versione permette alle aziende di eseguire quasi il doppio di macchine virtuali , aumentando al contempo l’elevata disponibilità del 30% rispetto alla generazione precedente. Inoltre, per clienti con esigenze specifiche, l’architettura   vShape è modulare e flessibile, pertanto i pacchetti possono essere adattati secondo necessità. Le aziende hanno la possibilità di aggiungere nuovi prodotti e servizi quando ciò si rende necessario, dal momento che vShape dispensa dall’esclusiva con un solo vendor.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore