SDN , un mercato di grande futuro ma difficile da stimare

Silicon è il sito di tecnologia dedicato alle strategie delle aziende IT che cavalcano i nuovi trend di mercato, dal cloud computing alla virtualizzazione, dal mobile al byod. Analisi, approfondimenti, prove di app e prodotti, oltre alle notizie quotidiane, fanno di Silicon l’appuntamento giornaliero per i manager che vogliono capire come la tecnologia possa aiutarli nel fare business. Su queste tematiche Silicon realizza interviste agli attori del mercato e reportage dai principali eventi, sia in Italia sia all’estero.

Secondo uno studio di Transparency Market Research il mercato delle soluzioni di Software-defined Networking (SDN) crescerà un ritmo del 61 per cento all’anno. Obiettivo 3,5 miliardi di dollari nel 2018

Le stime del mercato emergente delle soluzioni di Software-defined Networking (SDN) richiedono certamente una taratura. Da una parte stanno gli analisti di IDC che stimano che il mercato globale di SDN – cioè la prossima frontiera della virtualizzazione delle reti, dopo quella dei server e dello storage – dovrebbe passare dai 360 milioni di dollari di quest’anno a 3,7 miliardi nel 2016. Dal canto loro la startup Plexxi, Website SDNCentral e gli investitori di Venture Partners hanno portato stime che il mercato SDN esploderà a 35 miliardi di dollari nel 2018. La distanza che separa i due fronti è enorme e il termine SDN sembra nascondere diversi approcci.

Infine ora giunge notizia di uno studio di Transparency Market Research che forse è in grado di mettere le cose a posto pur con prospettive non molto spostate rispetto alle precedenti. Gli analisti che hanno realizzato il report stimano un mercato SDN di 3,52 miliardi di dollari nel 2018 con una crescita composta annuale del 61 per cento. Secondo Transparency Market Research, le soluzioni SDN riguarderanno lo switching SDN, i controller SDN, il provisioning e l’orchestrazione del cloud ( soluzioni SDN che fo domineranno agli inizi) , la sicurezza e i servizi.

Quanto alle aziende che domineranno il mercato SDN , nessun nome nuovo : IBM, Cisco, Juniper Networks, NEC, Alcatel-Lucent, VMware, HP, Google, Big Switch Networks, Arista Networks, Brocade, Verizon e Intel. I vendor sono tutti concordi nell’affermare che la separazione dell’intelligenza della rete dai livelli hardware è un’evoluzione strategica che porta con sé cambiamenti profondi nella gestione di un data center. Questi cambiamenti sono resi necessari dalle esigenze degli utenti espresse dai servizi cloud , dai big data e dal trend BYOD.

Ma al contempo Transparency Market Research mette in evidenza come in un mercato come quello delle reti frammentato per natura e dominato da grandi attori storici stanno emergendo i potenti attori asiatici, gli apporti di un ecosistema ricco di startup e anche l’influenza dei grandi fornitori di contenuti che non intendono restare a bocca asciutta.

I fornitori di servizi cloud e gli operatori di telecomunicazioni dovrebbero essere i primi utenti interessati alle soluzioni SDN che offrono una tecnologia che apporta flessibilità e agilità nella gestione dello switching. Invece le imprese non rappresentano al momento attuale che poco più di un terzo delle organizzazioni interessate a SDN. In queste condizioni il mercato non potrà che essere ancora per un certo tempo un mercato di nicchia. E ci vorrà ancora tempo perché diventi un ‘ondata tecnologica di peso.

Read also :