SAP e Bosch insieme per IoT e Industry 4.0

Giornalista e collaboratore di TechWeekEurope, si occupa professionalmente di IT e nuove tecnologie da oltre vent'anni e ha collaborato con le principali testate italiane di settore

Follow on: Linkedin

Le due aziende integrano i rispettivi servizi cloud e collaborano per definire nuovi standard di mercato in ambito Industry 4.0

SAP e Bosch hanno definito una partnership strategica incentrata sulle soluzioni cloud per gli ambienti Internet of Things (IoT) e Industry 4.0. La collaborazione riguarda in particolare le applicazioni in ambito manufacturing e logistica e fanno leva sulle piattaforme che le due aziende hanno già sviluppato per l’IoT.

Una prima espressione della collaborazione sta nella possibilità per le aziende utenti della Bosch IoT Cloud di usare SAP HANA come database. L’idea è che la prima piattaforma raccolga i dati provenienti dal campo e li passi alla seconda come base per la loro elaborazione. L’integrazione fra i cloud delle due aziende sarà anche in senso opposto: i microservizi della Bosch IoT Cloud saranno disponibili a chi già usa la HANA Cloud Platform, per collegare alle applicazioni i dispositivi e i componenti sul campo.

SAP e Bosch hanno già sviluppato alcune applicazioni frutto della combinazione dei rispettivi servizi, in particolare nel campo della logistica. Il prossimo ambito che intendono affrontare congiuntamente è quello della guida autonoma e dei veicoli connessi, due applicazioni in cui è indispensabile analizzare molto rapidamente e in maniera affidabile grosse quantità di dati.

Un esempio della collaborazione Bosch-SAP presentato all'IIC Meeting di St. Leon-Rot, in Germania
Un esempio della collaborazione Bosch-SAP presentato all’IIC Meeting di St. Leon-Rot, in Germania

I due nuovi partner collaboreranno anche alla definizione di standard e reference architecture per le applicazioni in ambito Industry 4.0, elementi che sono considerati essenziali per una vera interoperabilità delle soluzioni e dei macchinari. Bosch e SAP, insieme all’Industrial Internet Consortium (IIC), intendono definire “un set di condizioni standardizzate che supporteranno l’interoperabilità dei macchinari nel mondo industriale“.

La strada scelta è quella dei test congiunti, insieme ad altri partner tecnologici che verificheranno direttamente sul campo come interagiscono fra loro macchinari, software, sensori e servizi cloud. Da queste analisi saranno derivati nuovi standard di mercato.

Read also :