Reti IT. Secondo Emulex molte ancora quelle non sorvegliate in modo automatico

NetworkWorkspace

Studio Emulex: la sorveglianza di rete di tipo manuale provoca errori e conflitti

Le architetture informatiche diventano molto complesse , ma nonostante ciò – come si apprende da un sondaggio promosso da Emulex – quasi la metà ( il 45 per cento) dello staff IT negli Stati Uniti e in Europa continua a sorvegliare con modalità manuali e non automatiche le prestazioni delle reti . Ma la buona notizia sta che ormai la maggioranza dei dipartimenti IT ha adottato strumenti di sorveglianza di tipo automatico.

Tuttavia questa alta percentuale di manualità che resta non è estranea al fatto che il 77 per cento dei responsabili della sicurezza IT dichiarano di aver fatto errori nel rilevamento e nei loro rapporti di incidenti di sicurezza o di rete. Ma in questa situazione non è in gioco la mancanza di budget adeguati: il 51 per cento dei dipartimenti IT oggetto dell’indagine hanno intenzione di spendere oltre un milione di dollari all’anno in infrastruttura di rete e sicurezza IT. E il 16 per cento dispone di oltre 5milioni di dollari di budget all’anno. Inoltre la mancanza di visibilità sull’origine degli incidenti provoca anche dei conflitti all’interno dei reparti IT. Il 79 per cento delle imprese avvicinate per la ricerca parla di incidenti di rete attributi a torto a reparti IT che ne sono estranei e devono perdere tempo per mostrare la loro innocenza trascurando compiti più costruttivi.

Lo studio di Emulex, che fornisce soluzioni per le prestazioni delle reti, è stato eseguito nella scorsa primavera su oltre 500 professionisti che hanno dichiarato al 73 per cento di non essere riusciti a risolvere alcuni eventi sulla rete. L’83 per cento ha visto aumentare il numero degli incidenti, l’81 per cento ha dovuto affrontare una situazione di infrazione alla sicurezza. Di questi il 27 per cento sono stati scoperti con indagini ad hoc.

Emulex-infographie-641x1024

Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore