Oracle rinvigorisce Database Appliance con la virtualizzazione

NetworkProgettiSoftware vendor
oracle appliance

Oracle ha aggiornato la sua Database Appliance con l’aggiunta del supporto alla virtualizzazione. Balzo in su dell’hardware

Oracle ha annunciato la disponibilità di Database Appliance X3-2, una soluzione caratterizzata da performance fino a due volte più rapide e da una capacità storage più che quadruplicata rispetto alla versione originale della Oracle Database Appliance. Ora è possibile incrementare in maniera istantanea i volumi di dati collegando semplicemente uno Storage Expansion Shelf, senza bisogno di assistenza tecnica.

Database Appliance è un pacchetto completo che include software, server, storage e networking e si appoggia sul database che l’azienda definisce “ più diffuso al mondo”. E’ opzionale la presenza di una Virtualized Platform basata su Oracle VM, che permette agli ISV di pacchettizzare e proporre una ‘solution-in-a-box’ completa.

Oracle-Database-Appliance-X3-2-b
Oracle Database Appliance X3 2

Con l’aggiunta del supporto alla virtualizzazione, i clienti possono implementare rapidamente appliance complete e altamente disponibili presso sedi distaccate e uffici remoti.
Database Appliance Virtual Platform riduce i requisiti delle licenze software facendo leva sulle particolari capacità di hard partitioning di Oracle VM in molte istanze virtuali.

La piattaforma estende inoltre a tutte le soluzioni software del vendor americano la modalità di licenza software ‘pay-as-you-grow’. Gli aggiornamenti al sistema possono arrivare a 18 TB di storage su disco e 800 GB di memoria flash. Oltre a 512Gb di memoria di sistema.

Database Appliance X3-2 propone anche l’implementazione e la gestione attraverso template Oracle VM preconfigurati per Oracle Database, Oracle WebLogic Server e alcune altre applicazioni.

Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore