Nokia Networks vuole reinventare le Telco con il cloud

MobilityNetworkReti

Per Nokia Networks l’obiettivo strategico è di diventare un top vendor per le reti radio mobili

All’interno del gruppo Nokia la divisione Nokia Networks ( che è presente in Italia con una sua separata ragione sociale – Nokia Solutions and Networks -e 430mila dipendenti) rappresenta il 90 percento del fatturato e la grande maggioranza dei dipendenti.
Le alterne vicenze locali e internazionali ( non ultima la cessione della divisione per i dispositivi mobili a Microsoft) ha portato Nokia Networks a focalizzarsi dal 2011 sull’offerta agli operatori con soluzioni e servizi per reti radio mobili. Dopo aver concluso il 2014 dichiarando il ritorno alla profittabilità Nokia Networks fa tesoro degli ultimi sviluppi della sua tecnologia per puntare decisamente sul wireless LTE e LTE-A. In prospettiva c’è poi l’enorme e futuro mercato dell’Internet delgi Oggetti con i 50 miliardi di sensorie e device attesi ( parola di Cisco) per il 2015.
A breve la ragione di mercato su cui conta Nokia Networks, guidata in Italia da Massimo Mazzocchini, è la spinta che viene dai consumatori e va a incidere sulle scelte dei carrier per il consumo di dati ( e non solo voce) attraverso le reti wireless. E’ già pronta una previsione con orizzonte 20120: 1 Giga di traffico per utente al giorno.

Massimo Mazzocchini
Come sintetizza Mazzocchini. “ Per Nokia Networks l’obiettivo strategico è di diventare un top vendor per le reti radio mobili con l’accompagnamento di servizi di qualità sulla rete e di gestione della customer experience”.
A livello di soluzione questa strategica è affidata alle soluzioni cosiddette di Telco Cloud , tecnologia il cui il software agnostico rispetto all’hardware è il nucleo centrale. Le soluzioni saranno in mostra insieme a diverse applicazioni alla prossima manifestazione di Barcellona dedicata al mondo wireless di fornitori e operatori.
Spiega in qualità di Head of Technology per l’Europa sud-orientale dal 2012, Dario Boggio Marzet:” App e servizi mobili devono essere erogati con dinamicità in funzione del device collegato. Non c’è più solo il traffico . Il modello di business dei carrier su traffico e servizi è destinato a cambiare e sarà diverso: non standard, imprevedibile e dinamico in modo istantaneo”. Insomma il modello di consumo di banda wireless non sarà più quello tradizionale delle email , ma quello del gaming. Che l’utente sia una persona o una macchina la rete in pochi secondi deve adattarsi all’utente per fornirgli la migliore esperienza d’uso possibile”. Un vendor deve garantire all’operatore non solo qualità del traffico ,ma adattabilità secondo il tipo di traffico.
Questo – secondo i dirigenti di Nokia Networks – si ottiene attraverso la virtualizzazione della rete secondo le tecniche NFV che consentono la messa in pool di risorse hardware anche di tipo generico ( nel caso Nokia il fornitore è HP) e software (soluzione con l’auto del software di trasporto SDN del partner Juniper ) .

telco cloud
Un esempio è un novità di prodotto , l’applicazione che precede all’erogazione del servizio voce su LTE ( VoLTE) che assicura un a qualità migliore e soprattutto una maggiore efficienza spettrale e dunque delle risorse radio. Il tempo di impostazione delle chiamate risulta di appena 1-2 secondi, se si utilizzano telefoni compatibili con VoLTE, mentre la qualità delle chiamate è superiore a quella delle chiamate VoIP ordinarie, poiché con LTE una chiamata VoLTE può combinare voce e video in HD con maggiore chiarezza.
Negli anni, Nokia Networks ha creato e testato presso i clienti svariate soluzioni di Network Function Virtualization (NFV) basate su diverse piattaforme cloud. In questo modo è stato possibile realizzare una soluzione Telco Cloud commerciale brandizzata Nokia, dotata di una rete core completamente virtualizzata e di avanzate funzionalità di gestione delle applicazioni nel cloud.
L’anno scorso, Nokia Networks ha annunciato il lancio della prima soluzione conforme all‘architettura ETSI NFV, progettata per abilitare i servizi VoLTE basati sul cloud.
Inoltre, allo scopo di rafforzare l’ampio ed eterogeneo ecosistema dei partner , è stato implementato un programma di certificazione a loro dedicato. Il programma consente di certificare il software di terze parti per l’utilizzo con le soluzioni Telco Cloud di Nokia Networks, assicurando un valore superiore grazie al supporto delle funzioni della rete virtuale dell’azienda. Con questo approccio, gli operatori possono ottenere soluzioni complete, in linea con lo standard ETSI NFV, che permetteranno loro di soddisfare gli standard più elevati di qualità e sicurezza. Ma , avverte una nota aziendale , attualmente molti aspetti delle soluzioni Telco erogate via cloud non sono ancora standardizzati, anche se il gruppo di lavoro European Telecommunications Standards Institute Network Functions Virtualization (ETSI NFV) sta lavorando per armonizzare i vari approcci al fine di implementare soluzioni predisposte per il cloud.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore