NFV. Ericsson e Canonical insieme per il cloud in rete

CloudMobilityNetworkReti

Ericsson sceglie Ubuntu Server OS per le sue reti NFV

Canonical, che presiede alla distribuzione Ubuntu di Linux, ha firmato un accordo di partnership strategica con Ericsson. Nel corso dei prossimi tre anni le due aziende condivideranno il loro know how per aiutare operatori di telecomunicazioni , data center e cloud service provider ad accelerare l’adozione delle tecnologie cloud open source nel quadro del programma di certificazione Open Platform for NFV(OPNFV).
In particolare Ericsson farà di Ubuntu Server OS la piattaforma di esecuzione di Cloud Execution Environment, un componente centrale dell’offerta cloud di Ericsson per la gestione delle infrastrutture . La prospettiva è anche quella dell’adozione per questo tipo di clientela di tecnologie cloud basate su Openstack. Secondo dati resi noti da Canonical oltre l’80 percento delle applicazioni OpenStack sono oggi realizzate sulla piattaforma Ubuntu.

ubuntu
In pratica Ericsson si sfrutterà l’ambiente open source di Canonical per fornire alla sua clientela soluzioni di virtualizzazione delle funzioni di rete (NFV) orchestrate con OpenStack. Installate su macchine virtuali standard in architettura X86 le soluzioni NFV permettono di sostituire apparati di rete proprietari ciascuno dedicato a funzioni precise ( firewall, IDS7IPS, load balancing) con soluzioni software. Queste ultime presentano il vantaggio di essere distribuibili facilmente in ogni punto della rete senza dover ricorrere a una nuova configurazione fisica in caso di installazione o modifica di un nuovo servizio. Una promessa di facilità di gestione delle funzioni di rete e di economie di investimento in apparati, in operazioni e anche in consumo energetico.

Il mercato è immenso , Ericsson rivendica per le proprie infrastrutture il 40 percento del traffico mobile mondiale e 2,5 miliardi di utenti. E la messa in opera di tecnologie di virtualizzazione presso operatori e data center è solo all’inizio. Secondo alcuni studi citati nel comunicato aziendale il 90 percento degli operatori nel mondo stanno pianificando l’utilizzo di funzionalità NFV per ammodernare le loro reti di comunicazione. Si tratta di un mercato che entro il 2018 potrebbe toccare un valore di 11 miliardi di dollari.

Read also :
Autore: Silicon
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore