Telit e l’Internet delle cose plug and play

M2MNetworkWorkspace
m2mAIR

MWC 2014 Telit muove passi in avanti nella propria strategia One Stop, One Shop, per portare in ambito m2m e IoT non solo chip, ma software, connettività e integrazione di servizi anche in cloud

L’ambito della proposta business di un’azienda come Telit sembra sposare perfettamente gli sviluppi futuri delle tecnologie IoE. Ma Telit, con oltre 5mila clienti nel mondo si occupa esclusivamente della comunicazione M2M (Machine To Machine) dalla sua costituzione, e da oltre 12 anni, quando ha iniziato a proporre moduli di comunicazione cellulare tra gli oggetti, nel 1998 con Datablock.

Questa realtà triestina, dopo l’acquisizione delle attività M2M di Motorola Solutions nel 2011 e l’importante partnership con Telefonica nel 2012, ha acquisito Crossbridge nel 2013 e ILS Technology LLC (provider di servizi cloud). Telit ha intercettato i vantaggi delle soluzioni cloud nella soluzione delle problematiche dei collegamenti tra macchine e centri servizi  (per esempio le automobili che dialogano con i centri servizi sulla necessità di manutenzione) e viceversa, e a Mwc 2014 ha annunciato i nuovi servizi cloud m2mAIR, frutto proprio dell’acquisizione di ILS Technology, indipendenti da qualsiasi tipologia di hardware sottostante.

m2mAir
Una modellizzazione delle soluzioni Telit m2mAIR

Si basano su  Application Enablement Platform che poggia su tecnologia deviceWise (si prevede l’integrazione delle API su oltre 100 milioni di moduli nei prossimi anni, per il riconoscimento immediato sul portale cloud m2m AIR). In pratica si tratta di un tassello applicativo di supporto per connettere hardware e servizi dell’IT aziendale in modo rapido, in tutti quei contesti di integrazione della comunicazione M2M nei processi in vista della crescita in ambito IoT (Internet Of Things).

Il software Enterprise m2mAIR serve proprio all’integrazione dei dati m2m nei sistemi IT e con Cloud WorkBench diventa un acceleratore nella realizzazione di gateway e per la progettazione di applicazioni in tempi ridotti in grado di fare di comunicare i dispositivi con le applicazioni e con i centri di raccolta di qualsiasi tipologia.

A Mwc 2014 Telit ha portato un assaggio di questo approccio “One Stop, One Shop”. Marco Argenton, Pm Telit Wireless Solutions, lo spiega: “Abilitiamo qualsiasi tipo di dispositivo a dialogare con le tecnologie cellulari, con altri dispositivi e con server remoti, ora anche in LTE, e anche con tecnologie short range e con Gps. Da oltre dieci anni progettiamo completamente i moduli hardware e forniamo anche soluzioni software. Ora possiamo fornire anche quelle di connettività, e la strategia One Stop, One Shop prevede proprio la fornitura dell’intero ecosistema, anche con m2mAIR, in modo che i clienti possano chiedere e ottenere da un unico vendo tutte le soluzioni m2m per IoT, compresi i servizi in cloud”.

Scopri come scegliere il  giusto cloud provider (ip)

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore