MWC 2018, oltre Samsung Galaxy S9 una finestra sul futuro in 5G

Nel 1998 inizia la sua esperienza nel mondo IT in Mondadori e partecipa alla nascita di Web Marketing Tools di cui coordina la redazione. Redattore esperto di software per PC Magazine, e caporedattore di ComputerIdea, segue da circa 20 anni l'evoluzione del mondo hardware, software e dei servizi IT in un confronto continuo con le aziende leader del settore

Gli annunci a tambur battente sui nuovi smartphone animano Mobile World Congress da anni, questa edizione rappresenta però un’ottima occasione per immergersi nelle tecnologie che cambiano il futuro delle aziende

Mancano davvero pochi giorni all’inizio di MWC 2018, la fiera più importante in Europa per quello che riguarda i dispositivi mobile, le telco, ma anche tutte quelle tecnologie che ruotano intorno all’esperienza in mobilità.

Negli anni infatti MWC 2018 si è trasformata, semplicemente per abbracciare le novità che nel futuro avrebbero impattato non solo sull’esperienza degli utenti finali, ma direttamente anche sul business.

Non sono pochi infatti i vendor che vi partecipano e che si occupano di cloud, infrastrutture convergenti, Reti, sicurezza, mentre i trend che si sono fatti largo poco a poco sul mercato, hanno sempre trovato spazio in fiera: AI, automotive, realtà aumentata e virtuale, Internet of Things e… Più di tutto, come abilitatore di tutto, il 5G.

Con IFA (Berlino, per l’elettronica di consumo), il Mobile World Congress è forse l’appuntamento più importante dell’anno e sembra destinato a marcare sempre più fortemente la propria natura che è assolutamente B2B.
L’edizione 2018 per quanto riguarda la proposta “mobile” potrebbe rivelarsi un anno decisamente particolare.

Samsung, infatti, che per esempio l’anno scorso ha posticipato il lancio di Galaxy S8 in un evento dedicato, a New York, quest’anno proprio in fiera porta il nuovo Galaxy S9 che – come nella tradizione del vendor coreano – sposterà ancora un po’ oltre l’asticella (non mancano in Rete tonnellate di anticipazioni riguardo le sue caratteristiche).

Il viaggio verso il 5G

Samsung avrà la fortuna che alcuni dei competitor diretti non saranno presenti a loro volta con una proposta top di gamma aggiornata. Così sembra sarà per LG, per HTC, Motorola (probabilmente presente con la nuova lineup Moto G6), Huawei. Certo porteranno le proprie novità ma non presenteranno qui i modelli per competere con Samsung.

Anche vendor di razza come Sony (con Xperiza XZ2?) e HMD con i Nokia saranno sotto i riflettori (potrebbe far capolino Nokia 9?), ma non è detto con i modelli top. E quindi sarà interessante anche confrontare la proposta dei vendor più conosciuti con quella del mercato “intermedio” che comunque rappresenta davvero la fetta più ampia del mercato.

Edizione quindi più povera? Per nulla, anzi, l’esatto contrario. Il 5G sarà al centro dell’attenzione, Qualcomm ha già messo sul piatto alcuni degli annunci in questo ambito, ne arriveranno altri. A MWC 2018 bisognerà tenere d’occhio una serie di “equilibri”.

Cioè come tecnologie approdate in fiera per una proposta consumer stiano entrando in azienda, come accanto all’esperienza, infrastrutture e sicurezza restino al centro.

Vendor come VMware, Equinix, Cloudera, F5 Networks, Juniper Networks, Akamai, SAP, pur in ambiti diversi, offrono in fiera un respiro “altro” di quello che ci attende. Sarà un’edizione, quindi, in cui concentrarsi sul “business” della mobilità dalla A alla Z, porterà tante sorprese, e potrebbe aprire davvero gli occhi su come sarà il nostro futuro. Oltre il telefonino…