Gli app store aziendali si fanno strada tra virtualizzazione del desktop e BYOD

Network

I desktop virtuali e le relative app hanno necessità di un centro di brokeraggio centrale . Il migliore strumento per realizzarlo è l’erogazione di applicativi mediante un app store.

La versione in una prospettiva diversa del cosiddetto BYOD potrebbe chiamarsi BYOA (bring your own application) . La consumerizzazione dell’IT sta crescendo con una velocità rilevante e sta coinvolgendo non solo i device mobili , ma anche le applicazioni web e per il desktop. In questo senso un app store aziendale offre una soluzione , anche se spesso solo parziale, alla riduzione dei rischi associati con l’utilizzo di app esterne e al risparmio sulle spese di licenza e di amministrazione e gestione. Per i dipartimenti IT c’è una ricompensa in più con il ritorno al controllo centralizzato o almeno al brokeraggio dell’accesso alle applicazioni pagate dall’azienda e utilizzate dai dipendenti.

Un numero uno mondiale della virtualizzazione come Vmware ci sta scommettendo un’intera gamma di prodotto che va sotto il nome di Horizon : l’idea è che i desktop virtuali e le relative app hanno necessità di un centro di brokeraggio centrale e il migliore strumento per realizzarlo è l’erogazione di applicativi mediante un app store. In questi giorni oltre a Vmware anche Citrix sta proponendo una serie di nuovi tool di gestione in grado di aiutare gli amministratori IT a supportare l’uso di dispositivi mobili in azienda mantenendo la sicurezza di app e di dati. L’accesso resta affidato ai dispostivi nelle mani degli utenti , siano essi di proprietà dell ‘azienda o di proprietà personale ( BYOD).

Giunge a proposito un rapporto degli analisti di Gartner (Enterprise App Stores Can Increase the ROI of the App Portfolio) che identificano tre punti nodali che interpretano il trend verso gli app store aziendali e danno alcune indicazioni su come le organizzazioni possono beneficiare di questi trend.

1. Il numero crescente di dispositivi mobili in azienda e la conseguente adozione di strumenti di MDM ( Mobile Device Management) portano a un domanda interna e all’adozione di app store aziendali. A questo proposito le imprese offrono spesso diverse opzioni di downloading di software sui PC, ma molte di loro non comprendono smartphone e tablet. Il primo passo operativo delle aziende potrebbe essere quello di formalizzare un supporto standard di questi dispositivi per proteggere i loro asset. Più a lungo termine le organizzazioni devono sviluppare un loro proprio app store in-house per utilizzare ed erogare verso questi dispositivi informazioni e dati più strutturati e complesse. Per fare un esempio Horizon può erogare app verso PC, farle girare su macchine virtuali nei server dei data center o erogarle verso smartphone e tablet). Le organizzazioni dovrebbero iniziare a stabilire in maniera realistica le loro necessità relative a un app store e cercare fornitori in grado di offrire un supporto trasversale alle piattaforme per web, PC , app mobili e per dispositivi diversi. Gli app store dovrebbero esser parte di un insieme di funzionalità MDM e integrati in una vera suite completa di soluzioni per la gestione della mobilità.

2. Gli store aziendali possono supportare procedure software di automazione di tipo diverso per ridurre gli interventi di provisioning. Gli app store offrono una strada per aiutare a rendere automatica l’acquisizione di licenze software sotto il controllo aziendale come parte di una norma processo di acquisto. Delegando la scelta all’utente finale , le aziende affidano a qualcuno di esterno decisioni di prezzo e di prestazioni , ma permettendo all’utente di fare le scelte che meglio si adeguano alle sue necessità gli fanno anche sapere che questo costo richiede l‘approvazione del management o il caricamento dei costi sulla loro business unit. La possibilità di allargare le scelte degli utenti permettendo ai fornitori di proporre app in competizione e quella di tenere sotto controllo la richiesta da app popolari che potrebbero ottenere migliori condizioni di acquisto negoziando i termini e i costi delle licenze sono tra i principali vantaggi di un app store aziendale.

3. Il successo a lungo termine di un app store aziendale sta nell’aumento nella fornitura di soluzioni software. Sono poche le aziende che sono in grado di controllare l’intera catena del valore della mobilità. Le organizzazioni dovranno passare dall’approccio tradizionale di selezione di device e software per gli utenti verso policy e procedure trasparenti e controllate per le app analoghe a quelle a che attualmente sono praticate negli app store pubblici. Gli analisti di Gartner indicano che una chiave del successo di ogni app store aziendale è l’offerta di una selezione dinamica di app da cui scegliere. Gli app store sono una buona strada per condividere nuove applicazioni dentro l’azienda e portare anche a sviluppi migliori delle stesse.

Read also :
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore